rotate-mobile
Cronaca

Villa Alba: revoca dei domiciliari alle tre operatrici indagate

Le tre, ora libere dopo la decisione del Tribunale del Riesame di Bologna, sono sottoposte all'obbligo di firma. Il Riesame ha accolto la tesi della difesa, dopo che le donne hanno lasciato gli incarichi e sciolto la società di gestione della casa di cura.

Revocati i domiciliari per le tre operatrici di Villa Alba indagate per maltrattamenti agli anziani ospiti della casa di cura. Le motivazioni, accolte dal Tribunale del Riesame di Bologna che ha disposto la revoca, sono le dimissioni delle tre indagate M.T.N., 31 anni, la titolare C.N., 35 anni, sua sorella e C.E., 58 anni, la madre, dagli incarichi che ricoprivano all’interno di Villa Alba e la decisione di sciogliere la società che gestiva la struttura. 

Questo avrebbe fatto decadere il pericolo di reiterazione del reato da parte delle tre donne, ma le motivazioni della sentenza saranno depositate dal Tribunale del Riesame entro 45 giorni. Le donne per ora sono tornate in libertà, ma sono sottoposte all’obbligo di firma

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Alba: revoca dei domiciliari alle tre operatrici indagate

ParmaToday è in caricamento