Public Money, processo a Luigi Villani rinviato al 24 gennaio

Il processo per i reati di peculato e corruzione contestati all'ex consigliere regionale del Pdl Luigi Giuseppe Villani è stato rinviato al 24 gennaio: secondo rinvio dopo quello di luglio

Il processo per i reati di peculato e corruzione contestati all'ex consigliere regionale del Pdl Luigi Giuseppe Villani è stato rinviato al 24 gennaio. Si tratta del secondo rinvio dopo quello dello scorso luglio. Il Tribunale di Parma, presieduto dal giudice Pietro Rogato, ha deciso di accogliere la richiesta presentata dall'avvocato e parlamentare Pdl Francesco Paolo Sisto, che assiste Villani, e accordare il differimento del processo in attesa che si concludano le indagini sugli altri indagati del "filone" d'inchiesta "Public Money".

La Pm Paola Dal Monte, titolare del fascicolo, ha assicurato che il deposito dell'atto di chiusura dell'indagine è imminente. Nessuna opposizione è stata fatta dai legali di Iren (multiutility dell'energia), del Comune di Parma e di Alfa (società partecipata dal Comune di Parma) che hanno intenzione di costituirsi in giudizi parti civili, ritenendo tanto l'ente che le due società di essere state danneggiate dal presunto giro di 'tangenti' messo in piedi dagli indagati dell'inchiesta. Luigi Giuseppe Villani ha preferito non rilasciare dichiarazioni. L'uomo politico, sospeso dal suo incarico di consigliere in Regione Emilia-Romagna, ha dovuto lasciare in seguito all'arresto avvenuto nel gennaio di quest'anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assieme a lui in manette finirono l'ex sindaco di Parma, Pietro Vignali, il manager pubblici Andrea Costa e l'imprenditore Angelo Buzzi. Per la Procura i quattro "hanno tenuto costantemente, nel corso di più anni, una condotta fraudolenta finalizzata ad accumulare ingenti ricchezze da destinare ad usi strettamente privati". Il comandante della Guardia di Finanza Guido Mario Geremia dopo gli arresti denunciò ripetuti tentativi di interferire con l'attività di indagine da parte di alcuni degli indagati tra cui quelli dell'allora coordinatore provinciale del Pdl Villani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento