Violenza sul bus: indagati l'autista ed il giovane 19enne

I due protagonisti della violenta lite, ripresa da alcuni passeggeri e finita sulla stampa nazionale, sono entrambi indagati: il primo per percosse, il secondo per lesioni

Sono entrambi indagati, l'autista per percosse e il 19enne per lesioni. E' questo sostanzialmente il quadro della situazione dal punto di vista giudiziario dopo l'episodio, ripreso da alcuni passeggeri con il telefonino, che si è verificato nei giorni scorsi nei pressi della stazione di Parma. Una violenta lite che è sfociata in violenza fisica, da entrambe le parti. Il lavoratore della Tep, un 51enne di Parma è stato iscritto nel registro degli indagati: il reato contestato a lui è percosse. Dalle sequenze del video si vede infatti l'autista sferrare alcuni calci al giovane che invece è indagato per lesioni non aggravate: l'autista si era fatto refertare al Pronto Soccorso, uscendo con una prognosi di sette giorni. Entrambi finiranno probabilmente davanti al Giudice di Pace. L'indagine, coordinata dal Pm Fabrizio Pensa invece dovrà stabilire l'esatta dinamica dei fatti, ovvero capire cosa è accaduto nei momenti precedenti all'episodio immortalato dal video. Le forze dell'ordine hanno ascoltato numerosi testimoni: secondo la ricostruzione di alcuni giovani infatti l'autista non si sarebbe fermato nonostante sul suo percorso ci fossero alcuni ragazzi seduti a terra. L'autista invece continua a confermare la sua versione, ovvero che il bus sarebbe stato circondato senza un motivo appartente e che due persone avrebbero cercato di salire a bordo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento