yuri vacondio nuovo campione italiano amatori 1000 pro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Con sei podi assoluti su sette gare in programma ed un vantaggio di ben 200 punti al via dell'ultimo weekend di gare, è Yuri Vacondio, classe 1972, ad incoronarsi nuovo campione italiano Amatori 1000 Pro. Vacondio che già nel 2013 aveva sfiorato l'impresa finale nella classe 600. L'alfiere del King Racing Team si era presentato all'ultimo round del Mugello con un vantaggio di ben 200 punti, correre è stata solo una pura formalità sulla conquista del titolo. Domenica scatta bene dalla terza piazza in griglia e si porta subito in vetta alla corsa con la voglia di ricevere il titolo sul primo gradino del podio. L'aggressività e la competitività degli avversari hanno però portato il pilota di Reggio Emilia a tirarsi fuori da una possibile bagarre e amministrare alle loro spalle. Sul finale di gara decide ugualmente di attaccare e di non accontentarsi, nonostante avesse già il titolo in tasca, facendo segnare il suo best lap a due giri dalla fine. Taglia il traguardo al secondo posto fornendo un ulteriore prova del merito del Campionato. Appuntamento al Motor Bike Expo 2017 di Verona, in programma dal 20 al 22 gennaio) per assistere in prima persona alle premiazioni del Trofeo Italiano Amatori 2016.

Yuri Vacondio #2: E' stata una gara molto intensa, sono partito benissimo e mi sono portato subito primo. Quando ho visto che si stava creando un po' di bagarre ho deciso di mettermi dietro ed aspettare. Sul finale di gara ho visto che il secondo posto era alla mia portata e non mi sono accontentato. Ringrazio il tutto il mio Team, Manfredotti Frederic, Massimo Lupi e Alex Scaglioni che sono i miei meccanici e naturalmente tutta la mia famiglia per il supporto. L'impegno che ho messo per conquistare il trofeo è stato massimo, ho lavorato tanto, l'ho voluto a tutti i costi e ci sono riuscito, rifacendomi anche del campionato perso per un soffio nel 2013

Torna su
ParmaToday è in caricamento