rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Cronaca

Zone sensibili presidiate da agenti della polizia locale dotati di "sparalaccio", bodycam e bastone estensibile

A partire da oggi alcune pattuglie in servizio, in via sperimentale, in alcune zone della città con i nuovi sistemi di sicurezza

A partire da oggi, venerdì 16 settembre, alcune pattuglie della Proiezione esterna del Comando di polizia locale di Parma effettueranno il servizio, in via sperimentale, in alcune zone della città dotati di nuovi sistemi di sicurezza: bolawrap, bodycam e bastone estensibile.  

Gli agenti, impiegati nel presidio del territorio, saranno dotati di sistemi di autodifesa per poter affrontare situazioni di potenziale pericolo per la sicurezza e l’ordine pubblico.  

Tutto questo, in base alle disposizioni della deliberazione di Giunta n. 171/2022, per cui sono previsti 3 mesi di sperimentazione del Bolawrap o “sparalaccio”, il sistema di contenimento “da remoto” che consiste in un laccio in Kevlar che viene lanciato verso le gambe o il tronco del soggetto con l’effetto non letale di una efficace legatura che ne impedisce qualsiasi ulteriore movimento. Oltre al bolawrap, gli agenti avranno al seguito una bodycam di sicurezza, da attivare in alcune situazioni pre-codificate oppure in caso di utilizzo del bolawrap o del bastone estensibile o distanziatore. Le zone sottoposte a controllo inizialmente saranno Piazza Ghiaia, Via Cavour, Via Garibaldi, Via Verdi. Alla fine del periodo di sperimentazione, dalle risultanze delle attività si avranno più elementi di valutazione per passare all’adozione definitiva. 

Tutto il personale, che sarà dotato di bolawrap e di bastone estensibile, è stato formato al corretto utilizzo sia dal punto di vista operativo che dal punto di vista normativo. Il Comandante del Corpo di Polizia Locale, Michele Cassano, ha dichiarato: “Non ci illudiamo che con l’adozione di questi strumenti si riuscirà ad evitare completamente forme di violenza e aggressioni nei confronti dei miei agenti, ma sicuramente non avremo l’alibi di non aver almeno provato a migliorare la percezione di sicurezza dei nostri concittadini. L’adozione delle microcamere di sicurezza consentirà l’estensione potenziale del sistema videosorveglianza comunale anche in quelle zone della città non ancore coperte” 

L’assessore alla Legalità, Francesco De Vanna, ha rimarcato: “"Prosegue l'impegno dell'Amministrazione a tutela della legalità e della sicurezza delle cittadine e dei cittadini, con particolare riferimento a quelli più fragili, donne e anziani, senza dimenticare la vulnerabilità dei commercianti del centro storico. Nell'ambito della cornice normativa nazionale abbiamo implementato le dotazioni degli agenti, che ringrazio ancora una volta, anche a garanzia della loro incolumità. Gli interventi in Ghiaia, Via Cavour e Via Verdi testimoniano l'attenzione di questo Assessorato e dell'Amministrazione tutta nei confronti delle zone che, in questa fase, appaiono maggiormente bisognose di protezione. Tali servizi sono stati concordati anche in sede di confronto con le associazioni di categoria e a seguito di un percorso di ascolto dei commercianti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zone sensibili presidiate da agenti della polizia locale dotati di "sparalaccio", bodycam e bastone estensibile

ParmaToday è in caricamento