menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bread, una storia d'amore

Il locale di Via Nazario Sauro colpisce per semplicità e...

Due parole facili facili, da ricordare. Due parole che sono l’essenza della vita in realtà. Perché il pane e l’amore sono dei condimenti speciali per insaporire e rendere migliori le giornate di tutti. Quella del Bread è veramente una storia d’amore. Nata a Parma e dall’attaccamento viscerale che quattro ragazzi hanno verso la propria terra. Talmente forte da riproporlo a tavola e all’interno del proprio locale. In Via Nazario Sauro, Matteo Ceresini, Filippo Reggiani, Luca Farinotti e Massimo Marani hanno avuto l’idea: creare un posto semplice, in bello stile e soprattutto con l’intento preciso di riportare a tavola il vero gusto parmigiano, abbinandolo a un buon cocktail. Non di quelli che trovi ovunque, sia chiaro. Da Bread, una storia d’amore, ci sono delle novità in questo senso e puoi sbizzarrirti nelle scelte. Sappiate che ci sono ‘solamente’ 40 tipi di gin… . Questo per raccontarvi l’attenzione che questi ragazzi hanno per il particolare. Che poi è quello che fa la differenza  e promuove il locale, agghindato in bello stile, semplice e funzionale, con atmosfera da salotto. E’ li che ti sembra di star seduto, con un bel banco in vista. E mentre ascolti un bel po’ di buona musica mandi giù un cocktail che si abbina facile a uno dei tanti panini gourmet sfornati dal cucinotto del locale. Al Bread il pane è sempre fresco, arriva ogni mattina dai monti di Parma. Ce ne sono diversi tipi da riempire in vari modi. Prosciutto crudo di 36 mesi, prosciutto cotto, pesto di cavallo e tanto altro. Uno dei più buoni non poteva non portare il nome del locale: il Bread è un panino semplice, tanto semplice quanto buono, fatto con una ciabatta croccante, con un prosciutto crudo di 36 mesi e con una crema al parmigiano che si unisce al pane scaldato fino a diventare tutt’uno con esso. E con il prosciutto, dando quella consistenza saporita che ti spinge a mangiare il tutto morso dopo morso.WhatsApp Image 2017-02-14 at 09.51.22-2-2

Il Cor Pramzan è fatto da un carrè tostato con al suo interno il cavallo pesto della Olga, uno dei cavallai più antichi di Parma. In mezzo anche qualche fetta di pomodoro che non guasta mai. E accanto ai panini trovi anche delle insalate, delle zuppe e tanto altro. Il progetto Bread è un progetto nato un anno fa, nel febbraio 2016, Ritrovarsi nella semplicità delle cose, questo era l’intento dei quattro amici al bar che hanno allestito il locale in cui si può fare un buon aperitivo, si può bere un buon cocktail abbinato al un tagliare di salume e dove si può mangiare un buon panino. Il nome lo hanno scelto in base alla semplicità. La parola pane è la più semplice del mondo, abbinata all’amore.  Può essere replicabile, può diventare anche un marchio. Ci sono dei progetti in questo senso che non è giusto neanche svelare. Il sottotitolo curioso “Una storia d’amore”  fa capire che dietro a tutto c’è la scuola italiana. Semplicità (pane) e italianità (amore). Due parole facili facili da ricordare… .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Sport

    Altro tonfo, il Parma perde partita e speranze di salvarsi

  • Cronaca

    Covid, salgono i contagi: quasi 200 in 24 ore

  • Cronaca

    Parma torna arancione: ecco cosa cambia da lunedì

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per chi ha dai 70 ai 74 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento