menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ecco il "Caval pist"

L'uso di alimentarsi con la carne di cavallo è molto recente e dovunque ha trovato forte opposizione, per tabù alimentari perpetuati nel tempo che ne resero difficile l'introduzione ed il consumo. Tale abitudine ebbe inizio in Germania tra il 1832 e il 1851 e in Francia.  La prima macelleria aperta in Italia, a Torino nel 1865, fu assalita dalla popolazione e difesa a stento dalle guardie.  A Parma il Comune aveva autorizzato fin dal 1873 la macellazione di carne equina, ma solo nel 1881 un certo Orlandelli aprì la prima beccheria in via Farnese, nell'Oltretorrente, dove si trova ancora sormontata da una scultura di testa di cavallo.  Da allora i consumi sono aumentati e non manca chi non disdegna di usarla anche per gli anolini. Si preferisce consumarla fresca e spesso cruda, distinguendo il pesto, cioè la carne tritata e macinata, in tre categorie in base alla quantità di grasso contenuta. Il pesto viene insaporito, recente l'introduzione anche dell'aglio, e consumato già condito, a seconda dei gusti, aggiungendovi olio e limone.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Sport

    Altro tonfo, il Parma perde partita e speranze di salvarsi

  • Cronaca

    Covid, salgono i contagi: quasi 200 in 24 ore

  • Cronaca

    Parma torna arancione: ecco cosa cambia da lunedì

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per chi ha dai 70 ai 74 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento