menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bruno Longhi | L'antifascismo secondo Lenz: omaggio perfetto al compagno 'Fulvio'

Bruno Longhi, 'La Riscossa', il giornale clandestino dei partigiani parmensi, le torture della Gestapo nei 'terribili' locali di viale San Michele.. Repliche a Lenz Teatro in via Pasubio 3 il 24 aprile h 21.00 e il 25 aprile h 18.00. Per informazioni e prenotazioni: 0521.270141, info@lenzfondazione.it

Bruno Longhi, 'La Riscossa', il giornale clandestino dei partigiani parmensi, le torture delle SS nei 'terribili' locali di viale San Michele a Parma, l'arresto di 'Fulvio' - il nome di copertura di Bruno - nel febbraio del 1945, le storie e le immagini della famiglia Longhi, uno dei cardini dell'antifascismo parmigiano. Lenz Fondazione rimette in scena il Bruno Longhi dopo le messe in scena del 1991 e del 2005. In occasione del Settantesimo anniversario della Lotta di Liberazione la creazione, con le attrici Valentina Barbarini e Monica Bianchi, la regia di Francesco Pititto e le installazioni di Maria Federica Maestri rivive negli spazi industriali di Lenz Fondazione, in via Pasubio. Dopo l'anteprima per le scuole del 22 aprile la sera del 23 aprile lo spettacolo ha debuttato per il pubblico. Negli spazi della Sala Est, allestita con una grande stella al centro, che fornisce la guida per le azioni performative delle attrici e sale disteso sul pavimento quasi a delimitarne lo storia tragica, la forza delle immagini si unisce al racconto - nel testo inedito di Francesco Pititto - della storia di Bruno Longhi nelle parole delle due sorelle. Un rap tragico, un omaggio ad un grande eroe della Resistenza, nella profondità delle sue sensibilità, la passione per le lingue e per il tedesco - la lingua del nemico. L'andatura 'imperfetta' di Bruno, le sue passioni per l'arte e per la letteratura, la morte - che non lascia scampo. La tortura e la storia di una Resistenza, oggi sempre più attuale. Nel grido di dolore della tortura la necessità di rinascita, verso una vita- ed un mondo- migliori. Proprio come immaginava Bruno e i tanti antifascisti che, ieri come oggi, lottano contro il totalitarismo e la dittatura. 

'A Bolzano / A Bolzano / È andato Giovanni /  E senza niente è tornato /  Tranne la notizia /  Che nessuno vorrebbe mai udire / Che Bruno 
È rimasto lì / Alla SD'

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento