Tributo ai grandi maestri della pittura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

L'associazione U.C.A.I. di Parma è lieta di presentare la collettiva ideata dal Maestro Stefano Magnani:

TRIBUTO AI GRANDI MAESTRI DELLA PITTURA

presso GALLERIA S.ANDREA

via Cavestro 6, Parma

INAUGURAZIONE SABATO 6 DICEMBRE 2014 alle ore 17.30

La mostra rimarrà aperta dal 6 al 18 dicembre 2014 a ingresso libero con i seguenti orari:

da martedì a sabato 10-12 e 16-19

domenica 16-19

lunedì chiuso

L'esposizione ideata da Stefano Magnani sarà una sorta di percorso nella memoria artistica costruita sull'esempio dei grandi capolavori dell'arte, come lui stesso ci spiega:

"Tutto ciò che riusciamo a vedere, sentire e toccare è in continua evoluzione. Tutto si modifica in modo più o meno veloce e spesso in modo irreversibile.

Nell'arte i cambiamenti sono all'ordine del giorno, ma sono sorretti da pilastri che reggono da millenni e i cui fondamenti ci guidano tuttora.

In questa mostra collettiva gli artisti della scuola d'arte "STUDIO D'ARTE MAGNANI" affrontano il tema di interpretare le opere dei grandi maestri del passato con umiltà, ma anche con l'entusiasmo di chi vuole emozionarsi e immedesimarsi nello spirito dell'artista.

Questo viaggio nel passato oltre ad emozionare, permette all' artista di approfondire le tecniche pittoriche di questi grandi maestri e di interpretarle per completare il proprio percorso artistico.

Le opere realizzate spaziano nel tempo e riproducono i capolavori di artisti molto diversi fra loro come Caravaggio, Monet, Magritte, Modigliani ma anche di pittori che hanno fatto la storia dell'arte parmigiana come Amedeo Bocchi e Lino Corradi.

E' stata cosi' realizzata una collettiva che sorprende per la qualità delle opere e per la capacità tecnica raggiunta da questo gruppo di allievi che frequenta lo studio d'arte per passione e amore per la pittura".

Www.ucai-parma.it

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento