Banca Monte, trovato l'accordo: evitati i licenziamenti di massa

Sono 57 le persone che andranno via entro il 2014: di questi 42 accederanno al fondo di solidarietà con un assegno del 75% fino alla data di uscita e 15 andranno in pensione con incentivo

Banca Monte

E' stato trovato questa notte l'accordo tra sindacati e vertici di Banca Intesa sulle misure da adottare per i lavoratori di Banca Monte. Sono 57 le persone che andranno via entro il 2014: di questi 42 accederanno al fondo di solidarietà con un assegno del 75% fino alla data di uscita e 15 andranno in pensione con incentivo. Inoltre sono stati confermati 41 apprendisti e per tutti i lavoratori viene applicato il criterio della solidarietà con relativi tagli di retribuzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento