menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoro: Parma sul podio per l'incidenza di stranieri assunti

Con il 23,1% di stranieri sul totale delle assunzioni previste, la provincia di Parma si colloca al secondo posto in Italia dietro Mantova. Indagine condotta dalla Fondazione Leone Moressa

Nel 2011 saranno 138mila le nuove assunzioni di stranieri nelle aziende italiane, il 23,6% in meno rispetto al 2010, e copriranno il 16,3% delle assunzioni complessive. Sono prevalentemente le imprese sopra i 50 dipendenti (40,1%) a ricercare manodopera straniera, da impiegare nelle costruzioni (18,2%), richiedendo operai specializzati (26,9%) soprattutto se maschi (45,3%). Mantova, Parma e Ravenna sono le province con il maggior peso di assunti stranieri rispetto al totale delle assunzioni previste, con incidenze pari, rispettivamente, a 24,5%, 23,1% e 21,1%.

Questi i principali risultati di un'indagine condotta dalla Fondazione Leone Moressa che ha analizzato i dati Excelsior-Unioncamere sulle previsioni di assunzione per il 2011. La nuova manodopera straniera servirà in prevalenza a ricoprire lavori non stagionali (83mila unità), mentre per le mansioni a carattere stagionale i nuovi posti saranno circa 55mila. "Sono cifre che segnano un andamento negativo dell'occupazione straniera nel nostro paese, soprattutto per i lavori stagionali dove il peso dei contratti a termine sottoscritti saranno appena il 22% del totale, con un calo del -26,6% rispetto al 2010" evidenzia lo studio.

D'altra parte, le assunzioni non stagionali di stranieri ricoprono il 13,9% del totale delle assunzioni di questo tipo, mostrando una flessione del -21,6% rispetto all'anno precedente. La propensione all'assunzione di manodopera straniera rimane più elevata nelle aree del Nord e del Centro rispetto al Sud: infatti, se in Emilia Romagna e in Piemonte l'incidenza dei nuovi assunti stranieri supera il 19% del totale (e in Trentino Alto Adige arriva addirittura al 27%), in Puglia, Sicilia e Sardegna appena una nuova assunzione ogni dieci riguarderà uno straniero.

Riguardo ai posti non stagionali, prevale la richiesta di manodopera straniera nel settore delle costruzioni, soprattutto in alcune regioni del Sud Italia: In Abruzzo, Campania e Sicilia saranno rispettivamente del 47,6%, 40,3% e 35,6%. Invece, vi è più probabilità di assunzione nelle aziende dei servizi operativi di supporto alle imprese e alle persone per gli stranieri residenti in Lazio (26,3%), Trentino Alto Adige (22,4%) e Friuli Venezia Giulia (21,2%). In Toscana le assunzioni di stranieri saranno soprattutto nel settore manifatturiero del tessile, abbigliamento e calzature (18,9%), mentre in Emilia Romagna, nel settore dei servizi di alloggio e ristorazione e dei servizi turistici (14,3%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento