menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La pubblicità comparativa di Plasmon

La pubblicità comparativa di Plasmon

Barilla-Plasmon, il Tribunale rigetta il ricorso: "La pubblicità è ingannevole"

I giudici hanno detto no al reclamo della Plasmon confermando l'ordinanza di prima istanza sull'inserzione comparativa con alcuni prodotti per bambini del colosso parmigiano

Il Tribunale di Milano ha rigettato il reclamo di Heinz-Plasmon contro l'ordinanza del giudice di prima istanza, confermando cosi' il carattere ''ingannevole e denigratorio della pubblicita' comparativa Plasmon'' comparsa sulla stampa nazionale alla fine del novembre scorso e avente ad oggetto Macine Mulino Bianco e Piccolini Barilla. Lo comunica, in una nota, la Barilla, che esprime ''profonda soddisfazione per questa ordinanza'' e annuncia l'intenzione di proseguire nel giudizio di merito anche per il risarcimento danni.

A scatenare la battaglia legale tra Barilla e Plasmon era stata una pubblicità comparativa, pubblicata da Plasmon alla fine dello scorso novembre su alcuni quotidiani, nella quale i 'piccolini Barilla', pastina destinata ai palati dei più piccini, veniva affiancata a un prodotto Plasmon, con sotto la specifica: 'Pasta per i bambini' e 'pasta per gli adulti' riferita al prodotto della concorrenza. L'accostamento non era piaciuto al colosso di Parma, che aveva definito la comunicazione "illegale". "Nessuno dei prodotti Barilla è rivolto specificatamente ai bambini da 0 a 3 anni, per questo motivo è assolutamente scorretto e ingannevole confrontare pasta per bambini per l'infanzia con pasta che è destinata a uso corrente per tutta la famiglia".

La nostra pubblicità, era stata la risposta della Plasmon, é basata su informazioni "vere, verificabili, complete e basate su dati analitici incontrovertibili". Lo scorso 20 dicembre il Giurì di Autodisciplina pubblicitaria aveva dichiarato "ingannevole e denigratoria" la pubblicità comparativa di Plasmon. Parere analogo a quello del Tribunale di Milano, che lo scorso 18 gennaio aveva confermato il provvedimento d'urgenza pronunciato il precedente 3 dicembre nel quale definita "illecita la pubblicità comparativa di Plasmon nei confronti di Barilla". Oggi la conferma di quella decisione, con il rigetto del reclamo presentato da Heinz-Plasmon davanti ai giudici della sezione specializzata di proprietà industriale e intellettuale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento