Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Cgil: 20 maggio, iniziativa online "Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro"

L'incontro via Zoom è promosso da FILCTEM CGIL, FEMCA CISL e UILTEC UIL di Parma e Piacenza per chiedere un patto per la salute e sicurezza sul lavoro

Nel quadro delle iniziative di mobilitazione promosse da CGIL, CISL e UIL sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro, in cui sono previste nella giornata di giovedi 20 maggio in tutta Italia assemblee unitarie con le lavoratrici ed i lavoratori, anche FILCTEM CGIL, FEMCA CISL e UILTEC UIL di Parma e Piacenza hanno deciso di promuovere un incontro, online sulla piattaforma Zoom dalle ore 18 alle ore 19, che si ispira allo slogan nazionale "Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro".

Con tali iniziative le organizzazioni sindacali chiedono alle parti politiche un patto per la salute e la sicurezza sul lavoro. Dal 1° gennaio al 31 marzo 2021 in Italia sono morte sul lavoro due persone al giorno. Una strage spesso silenziosa. Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Inail nel primo trimestre del 2021 sono state 185, 19 in più rispetto alle 166 denunce registrate nel primo trimestre del 2020 (+11,4%). La morte di questi lavoratori e di queste lavoratrici ha riportato l’attenzione dell’opinione pubblica sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro.

I sindacati da tempo denunciano l'emergenza morti sul lavoro e parlano di una strage continua, essendo impegnati in prima linea sul tema con troppo silenzio da parte di tutti. Questo nuovo appello chiede un maggiore impegno a tutte le parti in causa per garantire meno incidenti. Al webinar verranno sollecitate e presentate le proposte del sindacato unitario per attenzionare e migliorare tutto il tema della sicurezza a tutela di lavoratori e lavoratrici.

Per partecipare: scaricare l'applicazione Zoom e inserire: codice stanza 973 8255 6920 e password 680534.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil: 20 maggio, iniziativa online "Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro"

ParmaToday è in caricamento