concluso con successo il progetto di educazione alimentare di rizzoli emanuelli “io so che pesci pigliare”

L’iniziativa, che ha coinvolto oltre 25.000 bambini delle scuole primarie, puntava a far conoscere e tutelare le risorse del mare e a trasferire in maniera divertente le proprietà e i benefici del pesce in una corretta e sana alimentazione.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Grazie al progetto didattico dell'azienda parmigiana Rizzoli Emanuelli i ragazzi adesso sanno “che pesci pigliare”! L’iniziativa, che si è svolta nell’anno scolastico 2017-18, ha coinvolto oltre 415 scuole primarie di Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e provincia di Roma. Rizzoli Emanuelli, storico protagonista nel mercato delle conserve ittiche da sempre attento ai temi della responsabilità sociale, ha realizzato il progetto “Io so che pesci pigliare” per sensibilizzare sulla tutela del mare, divulgare la conoscenza dell’intera filiera dalla pesca alla tavola e trasferire i principi nutrizionali e i benefici legati al consumo di pesce, un alimento prezioso che contribuisce a crescere e stare in salute. Grazie a un creativo progetto interdisciplinare, la Scuola Primaria T. Righi dell’istituto Comprensivo Poviglio- Brescello di Reggio Emilia è arrivata prima, aggiudicandosi la LIM in palio. I bambini dell’istituto hanno realizzato originali elaborati dai titoli “La leggenda delle Alici”, “Pesci al vento”, “Il giro d’Italia”, “Peschereccio Pesche-re” e “Rotorizzolandia”, composti da un coloratissimo libro sulla leggenda delle acciughe, un brogliaccio con tantissimi disegni, schede di approfondimento con poesie a tema e persino uno scacciapensieri marino sonoro. Premiato anche “Il meraviglioso mondo delle acque”, realizzato dalla Scuola Primaria “IV novembre” di Portogruaro Venezia, che partendo dallo studio dell'ambiente marino e della morfologia dei pesci, ha inventato una storia originale e divertente con protagonista un pesce, anche in inglese "The little fish". L’elaborato ha, inoltre, analizzato le caratteristiche nutritive dei pesci, i metodi di cottura attraverso la realizzazione di videoricette, e si è concluso con l’ideazione di un originale rebus. Vince un tablet anche la Scuola Primaria Giuseppina Cibien di Belluno grazie a un elaborato interdisciplinare dal titolo “Adesso sappiamo che pesci pigliare”. I bambini dell’istituto hanno cercato prima un legame con l'acqua del proprio territorio di montagna per realizzare poi una carta d'identità, comprensiva di zona FAO di provenienza, per ogni pesce. Il progetto è stato completato da ricette, cartellone di benvenuto, fantasiosi pesci di cartone, una simpatica canzone e un filmato. “È stata una selezione davvero combattuta, siamo stati travolti da un vero mare di creatività e stimoli nuovi, complimenti a tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie per l’entusiasmo e l’impegno con cui hanno aderito al nostro progetto didattico. I contributi interpretano al meglio l’obiettivo dell’iniziativa, ovvero riscoprire il valore del mare e sensibilizzare verso un atteggiamento critico e più responsabile nelle scelte alimentari”, ha dichiarato Federica Siri, Marketing & Trade Marketing Manager di Rizzoli Emanuelli.

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento