menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iren, Comuni inascoltati e manager paperoni. Villani al capolinea?

I comuni emiliani avevano chiesto di raddoppiare il dividendo per risanare i bilanci. I compensi dei dirigenti non sono stati ridotti e sulla carica di Villani "sarà cura dell'ente definire la sua posizione"

Comuni emiliani scontenti dopo l'assemblea dei soci Iren per la chiusura del bilancio 2011. L'azienda ha deciso per un dividendo pari a 0,013 euro per singola azione, mentre i comuni di Parma, Piacenza e Reggio Emilia - attraverso il sindaco Delrio - volevano un raddoppio a 0,026 per ripianare i rispettivi bilanci. Il 'no' è venuto, neanche a dirlo, da Finanziaria Sviluppo Utilities, la holding che detiene il 36% di Iren e che è partecipata al 50% dai comuni di Torino e Genova.

Il bilancio di esercizio di Iren si è chiuso con una perdita di 107,9 milioni di euro anche a causa dell'operazione di riassetto in Edison. Ad ogni modo, come confermato anche dal sindaco di Reggio, "la società è molto indebitata".
Alla richiesta del segretario del PdCI reggiano di ridurre i compensi dei manager fissando il tetto a 300mila euro annui, l'azienda ha risposto che "Iren è una società quotata in borsa alla quale non si applicano i recenti limiti imposti alle retribuzioni dei dipendenti pubblici". Per quel che riguarda il compenso del vice presidente Luigi Villani che, secondo Vena, era addirittura superiore a quello del presidente Roberto Bazzano "si tratta di un compenso che è stato riconosciuto al medesimo in considerazione dell'impegno richiesto come componente del Comitato Esecutivo".

E sul doppio ruolo di Villani che è vice presidente in Iren con un compenso di 145mila euro l'anno e presidente del gruppo consilire del PDL in regione, l'azienda ha risposto: "Il vice presidente Villani è stato designato dall'azionista Comune di Parma nel 2010. Sarà sua cura, non appena eletto il nuovo sindaco di Parma, attivarsi per definire la propria posizione all'interno del Gruppo Iren".

Quindi che vinca Bernazzoli o Pizzarotti, per Villani sembrano prospettarsi tempi 'duri'. O no?

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento