Economia, la Regione: "Evidenti i segnali di ripresa"

L'assessore Colla: "Nel 2020 avremo un prodotto interno lordo che risentirà della crisi meno che a livello nazionale e nel 2021 il rimbalzo positivo ci sarà"

L’impatto degli ammortizzatori ha avuto una tenuta formidabile. Ma i segnali di ripresa sono evidenti: se l’autunno sarà galantuomo, con una crescita alle spalle durata sei anni che ha portato nel 2019 a un +7 % di Pil, nel 2020 avremo un prodotto interno lordo che risentirà della crisi meno che a livello nazionale. Ma soprattutto nel 2021 il rimbalzo positivo ci sarà e noi vogliamo tornare agli indicatori economici pre covid entro il 2022: questo è il nostro obiettivo strategico, il ruolo del Patto. Un Patto che per la prima volta si colloca a monte della discussione sul Recovery fund, risorse 2021/27 Ue e l’eventuale Mes, che determinano il futuro degli investimenti insieme alle loro priorità".

Lo ha detto Vincenzo Colla, assessore a Sviluppo e lavoro, nell'inquadrare il nuovo Patto per il Lavoro e per il Clima che la Regione ha illustrato oggi a forze economiche e sociali per raccogliere contributi qualificati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

  • Le contraddizioni del decreto: zona arancione con più limitazioni della zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento