Esp, il progetto si duplica per le aziende che si affacciano ai mercati internazionali

Oltre a sostenere progetti di 10 aziende elaborati e attivati con l'aiuto di consulenti forniti nell'ambito dell'azione stessa, verrà sperimentato un altro progetto finalizzato a sostenere reti di piccole e medie imprese che vogliono presentarsi sui mercati internazionali

C’è una importante novità per Esp, Export Service Parma, progetto della Provincia per sostenere l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese locali.  Il percorso rivelatosi estremamente efficace per supportare le aziende sui mercati esteri si sdoppia offrendo nella sua quarta edizione “Esp advanced IV” doppie opportunità.

Da un lato viene riconfermata la modalità sperimentata con successo in questi anni per il sostegno di progetti di 10 aziende elaborati e attivati con l’aiuto di consulenti forniti nell’ambito dell’azione stessa. Accanto a questo percorso, ne viene sperimentato un altro finalizzato a sostenere reti costituite da piccole e medie imprese che si pongono l’obiettivo di presentarsi congiuntamente sui mercati internazionali. Si prevede il coinvolgimento di 10 aggregazioni di imprese, ciascuna composta da aziende organizzate per filiera, complementarietà di prodotto o mercati di interesse, che potranno congiuntamente accedere ai servizi di accompagnamento finanziati dal progetto, durante i quali dare sviluppo e attuazione dell’idea di aggregazione presentata.

“In questa nuova edizione di Esp incoraggiamo la creazione di reti fra imprese in modo da rendere più efficaci le strategie di internazionalizzazione di realtà produttive spesso  di piccole dimensioni – ha spiegato l’assessore provinciale Manuela Amoretti nell’incontro di presentazione del progetto svoltosi oggi in Provincia – La novità di questa edizione sta anche nell’intensa collaborazione tra Provincia e Camera di Commercio di Parma per integrare le reciproche opportunità verso le imprese e l’export. La Provincia prosegue con assoluta determinazione un lavoro paziente e concreto di sostegno alle piccole e medie imprese di Parma che guardano avanti. Anche cosi si crea  nuova occupazione e si difende quella che c'è”.

L’incontro svoltosi nella sala del Consiglio è stato dedicato al tema “Costruire l’esport” e vi hanno partecipato imprenditori, manager, dipendenti di micro, piccole e medie imprese della provincia di Parma, interessati a partecipare all’iniziativa ESP VI-Advanced.
Oltre a Manuela Amoretti, assessore provinciale alla Formazione professionale e Politiche del Lavoro, sono intervenuti Sara Bisacchi di Ecipar di Parma, ente che ha attivato il progetto, Andrea Parmeggiani (coordinatore tecnico gruppo consulenti),Patrizia Oliveri e Maurizio Cortesi (Obiettivo 50), Eugenio Ferrari (Assoretipmi) e Maria Birsan (Global Marketing).
Per informazioni: progetto Esp IV,selezione aziende:Ecipar di Parma, eciparparma@legalmail.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento