Il Gruppo Chiesi e Moderna collaborano sviluppare terapie basate su mRNA per l’Ipertensione Arteriosa Polmonare

Accordo da 25 milioni di euro

Moderna, Inc. società di biotecnologia specializzata nella scoperta e nello sviluppo di farmaci basati su RNA messaggero – e Chiesi Farmaceutici SpA, gruppo farmaceutico internazionale (Gruppo Chiesi) orientato alla ricerca, hanno annunciato oggi una collaborazione strategica finalizzata alla scoperta,  sviluppo e commercializzazione di nuove terapie candidate per il trattamento dell’Ipertensione Arteriosa Polmonare (IAP), una malattia rara con un’incidenza di 2-5 casi per milione di adulti[1]. La IAP è una malattia progressiva caratterizzata da ipertensione e aumento della resistenza delle arterie polmonari, che determina un progressivo affaticamento per il ventricolo destro e che può culminare nello scompenso cardiaco. Ad oggi non esistono trattamenti che possano ritardare – o invertire – la progressione della malattia. 

La collaborazione coniugherà l’esperienza di Chiesi nella biologia della IPA con la piattaforma mRNA di Moderna. Secondo i termini dell’accordo Il Gruppo Chiesi guiderà le attività di sviluppo e commercializzazione a livello mondiale e finanzierà tutte le spese relative alla collaborazione. Moderna riceverà un pagamento iniziale di $ 25 milioni di dollari e fino a $ 400 milioni nel caso di raggiungimento di determinati obiettivi di sviluppo e commerciali, previste inoltre royalties a due cifre sulle vendite nette.

“Siamo entusiasti di iniziare questa collaborazione con il Gruppo Chiesi, la quale offre l’opportunità di sfruttare ulteriormente la nostra tecnologia mRNA e le nostre tecniche di delivery”, ha affermato Stephen Hoge, MD, Presidente di Moderna. “Questa nuova partnership ci permette di continuare a impegnarci nella nostra collaborazione con aziende che posseggono competenze uniche nelle malattie gravi e che condividono la nostra vision, quella cioè di utilizzare terapie basate su mRNA per soddisfare i bisogni disattesi dei pazienti”.

“Il Gruppo Chiesi è in prima linea nell’innovazione e nella scoperta di nuove terapie per le persone affette da malattie caratterizzate da elevati bisogni medici insoddisfatti”, ha dichiarato Ugo Di Francesco, Amministratore Delegato del Gruppo Chiesi, “e l’accordo con Moderna, leader nella scienza dell’mRNA e delle tecniche di delivery, conferma il nostro impegno nel servire meglio i pazienti e gli operatori sanitari, con soluzioni trasformative”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento