Orticolario oltre 200 espositori: due aziende dal parmense

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Oltre 200 espositori a Orticolario (VILLA ERBA Cernobbio - Lago di Como, dal 4 al 6 ottobre) che arriveranno da tutta Italia ma anche da Svizzera, Francia, Germania Belgio e porteranno il meglio della loro produzione. In particolare,dalla provincia di Parma saranno presenti Scherzer 1880 di Castelguelfo di Fontevivi (Pr) che esporrà candele a led, profumazione, cristalli, articoli da regalo, bijoux e Il Giardino Segreto di Parma che si occupa di progettazione e architettura del paesaggio, manutenzione di parchi, giardini e costruzioni ecosostenibili ed è uno dei vincitori del concorso bandito da orticolario per la realizzazione di spazi e giardini creativi nel Parco di Villa Erba durante le giornate di Orticolario con il progetto "Una dahlia di velluto blu".

Al giardino, al verde e a tutte le esperienze e le emozioni ad essi collegate è dedicato Orticolario, dal 4 al 6 ottobre a Villa Erba, sul lago di Como. Sarà il gusto il senso conduttore di questa quinta edizione che istigherà i visitatori a commettere - incessantemente e senza rimorso - "Peccati di gola in giardino".

Orticolario si configura come un evento contenitore di eventi: non solo manifestazione dedicata a fiori, piante e oggetti legati al verde, ma esperienza sensoriale assoluta, aperta a suggestioni di moda, gusto, arte, design. Per spingerci a perderci tra le storie che stanno dietro alle foglie

Madrina e ospite d'eccezione di quest'anno sarà Laudomia Pucci, vice presidente e direttore immagine della Emilio Pucci: "Mio padre Emilio adorava la natura ed i colori dei fiori tanto da dedicare loro uno specialissimo print dal nome Dahlia nel 1972. E' un grande onore essere la madrina di questa quinta edizione; Moritz Mantero, con cui lavoro da tanti anni nel mondo della moda, mi ha contagiato con la sua passione e trasmesso la voglia di seguirlo in questo meraviglioso viaggio fra piante e fiori celebrando un'altra eccellenza italiana: Orticolario".

Il connubio tra la moda e il mondo dei fiori è del resto ormai una tradizione a Orticolario: ospiti della passate edizioni infatti sono state Vivienne Westwood, Rosita Missoni, Li Edelkoort, Wanda Ferragamo

Ecco le sorprese e le novità che accoglieranno quest'anno i visitatori di Orticolario, per suscitare delizia, incanto, stupore. Per emozionare e educare alla meraviglia della natura.

Una giungla nel Padiglione Centrale

Il Padiglione Centrale di Villa Erba si trasformerà in "Verde selva" una giungla con piante tropicali, sub-tropicali ed equatoriali.

Realizzata da Rattiflora su progetto di Alfredo Ratti, sarà una proposta dal carattere scenografico e didattico, con la presenza di esemplari rari, di grandi e piccole dimensioni, e di collezioni che ispireranno i visitatori, ampliandone le conoscenze, sulle specie e le varietà botaniche provenienti da latitudini lontane. Un'ambientazione onirica che offrirà preziosi spunti per l'arredo degli spazi interni e per la fitodepurazione dell'aria.

L'artista dell'anno: Michele Vitaloni

Addentrandosi in "Verde selva" i visitatori potranno incontrare le opere - molte delle quali inedite - di Michele Vitaloni, rappresentante di spicco della Wildlife Art e dell'iperrealismo scultoreo a livello internazionale. Sarà come vivere un immaginifico safari tra natura e arte.

Tra le sculture monumentali verrà esposto in anteprima "L'albero della vita", un grande albero bianco di oltre 3 metri sui cui rami saranno appollaiate diverse specie di uccelli come tucani, pappagalli, colibrì… Fonte d'ispirazione di questa opera fortemente simbolica un papiro dell'antico Egitto chiamato appunto "Tree of Life", raffigurante cinque uccelli quali allegorie delle fasi della vita umana.

I visitatori incroceranno lo sguardo di gorilla, orango e scimpanzé in altre opere inedite: volti dall'espressione quasi umana, in cui potersi identificare… E poi l'incontro con le farfalle tropicali in un concerto di colori e forme esasperate, per arrivare a guardinghi ippopotami affioranti da specchi d'acqua.

Di grande suggestione l'opera monumentale "Colossus": un rinoceronte nero di quattro metri di lunghezza, quale emblema per la valorizzazione della Biodiversità. Ai visitatori il piacere di altre scoperte...

Un tocco di novità artistica, oltre a quella di Michele Vitaloni nella giungla "Verde Selva" realizzata da Rattiflora nel Padiglione Centrale, verrà portato anche da Marina Gallandra attraverso la sua mostra fotografica "Tela d'autore", dove l'autore della tela è il ragno e le foto fissano la luce del sole riflessa dai fili della tela: onde colorate che si sovrappongono e interferiscono tra loro in modo imprevedibile. Il risultato è una miriade di colori che si accendono, brillano, ritornano velocemente nell'invisibile.

Installazioni nel Centro Espositivo

Ciascuna delle tre ali (Ala Lario, Ala Cernobbio e Ala Regina) sarà arricchita da installazioni progettate e realizzate per Orticolario.

L'Ala Lario ospiterà il Pergolato di Dioniso, dedicato al dio greco che rappresenta e riassume in sé il ciclo della vita vegetale. Oltre 100 i tralci di viti esemplari, simbolo della divinità greca, che i visitatori potranno ammirare. Le viti, provenienti dalla Sicilia orientale, sono accudite dalla Fondazione Minoprio sin dalla ripresa della vegetazione.

L'Ala Cernobbio si trasformerà invece nella Via del Sidro: una passeggiata tra filari di meli e di peri a spalliera provenienti dalla collezione di Ugo Orlandelli. Un omaggio a due antichissimi frutti che hanno ispirato leggende, dalla mitologia greca al medioevo, ai racconti arturiani e celtici.

L'Ala Regina, infine, come lo scorso anno, ospiterà la Via della Seta in una versione evoluta e rinnovata. I visitatori potranno scoprire esemplari di Morus platanifolia Koidz, che è stato selezionato scegliendo piante maschili e quindi non produce frutti. La Via della Seta è l'omaggio doveroso di Orticolario a una pianta, il gelso, dalle cui sole foglie il baco trae le sostanze nutritive per produrre la seta, che da sempre riveste un'importanza fondamentale nel tessuto sociale ed economico del territorio comasco. Gli esemplari di Morus platanifolia Koidz saranno forniti da Nespoli Vivai di Luca Nespoli.

Tavole rotonde saporose

Ricco è il programma offerto dalle Tavole rotonde saporose, laboratori condotti da esperti, per guidare il pubblico alla scoperta dei sapori e delle caratteristiche di prodotti derivanti dalla natura. Dal cacao con Valrhona e con C-Amaro ai distillati di frutta con Capovilla, dalla birra con il Nuovo Birrificio Italiano al tè con Ferri dal 1905, dalle confetture di fiori ed erbe aromatiche con Le Tamerici al caffè con Milani, dai germogli con Koppert Cress alle senapi di Delizia Delicatessen, passando dall'aceto, dal vino, dai formaggi con caglio vegetale e dalle erbe aromatiche e selvatiche con "La Signora delle Erbe" Renata Spinardi …

Anche i bambini saranno coinvolti in questa avventura grazie ad alcuni laboratori didattici, come quello condotto da Angela Berlingò e Annalisa D'Onorio di Slow Food.

Giardini creativi nel Parco

Il terrazzo, il giardino, il proprio spazio verde sono un'estensione della propria abitazione che richiede attenzioni e cure particolari, e non improvvisazione.

Orticolario vuole trasmettere questo messaggio forte ai suoi visitatori, sensibilizzandoli e suggerendo loro un modo diverso - artistico e professionale allo stesso tempo - di guardare ai giardini. Per questo ha bandito un concorso internazionale -rivolto ad architetti e progettisti di giardini, designer, artisti e vivaisti- per la realizzazione di spazi e giardini creativi nel Parco di Villa Erba durante le giornate di Orticolario. Spazi originali ed immaginifici, di grande suggestione.

Ecco i vincitori e i loro progetti.

"Fil Rouge" di VERDEarchitettura. Brandinelli - Refaldi architetti paesaggisti. Piante fornite da FloriPro Services®-Syngenta (Milano).

Sul Prato della Villa Antica, ai confini della bambouserie, i visitatori incontreranno l'avvolgente "Fil Rouge": un luogo dove abbandonarsi, osservando da vicino piccoli giardini sferici con erbacee perenni da fiore, selezioni di annuali edibili e vaporose graminacee. Il centro di "Fil Rouge" inviterà all'interno di uno spazio conviviale…

"Orto è Benessere. L'orto giardino terapeutico sociale, con tutti per tutti" di Carla Testori. Studio Verde e Paesaggio.

Accanto al gruppo dei sei magnetici cipressi calvi (Taxodium distichum), Carla Testori - Studio Verde e Paesaggio proporrà un orto giardino terapeutico da vedere, sentire, odorare, toccare e gustare, in cui si svolgeranno anche laboratori e momenti di informazione sull'Ortoterapia.

"Desco al fresco" di Anna Piussi. Piante fornite da Zelari-Euroambiente (Chiazzano - PT), Azienda Agricola Maurizio Feletig (Arignano - TO), Vivaio Capecchi Piante (Masiano - PT).

Ispirato al tema dei "Peccati di Gola" di quest'anno, il progetto consiste in un lungo tavolo rettangolare imbandito con piatti di piante commestibili, decorato da una tovaglia di piante, con una canaletta centrale di acqua. Cita la Mensa del Cardinale, di Villa Lante di Bagnaia, solcata da un corso d'acqua in cui venivano tenute in fresco le bevande, e scene rinascimentali di Ultime Cene, ambientate in logge aperte sulla natura. Questo cenacolo all'aria aperta è formato da archi di carpino potati in forma, intercalati a piante da bacche commestibili. A chiudere la stanza, due blocchi di carpini potati a cubo su alto stelo, che formano una quinta che rivela Villa Antica nello sfondo. La tovaglia verde del desco è piantata direttamente dentro il tavolo, costruito con substrato sufficiente a sostenere le piante, e verrà mantenuta come dimostrazione di 'tetto verde'. "Perchè sarebbe un peccato buttarla via"...

"Tutti giù per terra!" di Barbara Negretti e Archiverde. Piante fornite da Archiverde (Eupilio - CO).

Nella Piazza del Grande Prato, davanti al Padiglione Centrale del Centro espositivo, Barbara Negretti e Archiverde proporranno "Tutti giù per terra!". Su, giù, destra, sinistra, seduti, distesi... come un percorso labirintico legno, pietra, prato, sabbia e piante si alterneranno in un divertente pattern con alberi, fiori e frutti gustosi.

"Capriccio italiano" di Vittorio Peretto. Hortensia. Piante fornite da Nespoli Vivai (Carugo - CO).

Nell'interpretazione onirica dello specchio d'acqua davanti al Padiglione Centrale, come in un concerto tra natura e acciaio cor-ten, "Capriccio italiano" di Vittorio Peretto - Hortensia tradurrà in paesaggio le emozioni musicali di un brano dell'opera di Pyotr Ilyich Tchaikovskij, nata a seguito di un viaggio del compositore in Italia.

"Una Dalia di Velluto blu" di Sandra Migliavacca. Il Giardino Ritrovato. Piante fornite da Vivaio Valfredda (Cazzago San Martino - BS), Parma Vivai (Lemignano di Collecchio - PR), Pepper Parma (Parma).

Nel prato davanti al lago i visitatori saranno invitati ad entrare in "Una Dalia di Velluto blu": essenze edibili, fiori, piante ed erbe aromatiche comporranno i petali di un orto a forma di dalia. Un progetto suggerito dal fiore di questa edizione, tra i più divertenti e bizzarri che la natura propone.

Il Verduraio Matto

All'esterno, all'ombra di grandi platani del Parco, un lungo tavolo accoglierà i visitatori con frutta, verdura, germogli e fiori eduli: è il tavolo del Verduraio Matto, gestito dal Ristorante Tarantola, che offrirà anche la possibilità di fare dei pic-nic nel Parco!

Il fiore protagonista

Sarà la Dahlia, pianta ornamentale di cui sono noti innumerevoli ibridi e varietà. Commestibile nei tuberi e nei fiori, è l'essenza protagonista di questa edizione. Le aiuole del parco di Villa Erba si trasformeranno in un campo catalogo d'eccezione, con innumerevoli varietà di questo fiore.

Le Dahlie per le aiuole del Parco verranno fornite da Bakker Italia (Villaguardia - CO), Veit Franz D. Veit Florian (Bolzano), Kapiteyn (Breezand - Olanda), Gruppo Padana Società Agricola di Giorgio e Paolo (Paese - TV).

Varietà da taglio, in vaso, saranno in mostra a bordo della villa e dei padiglioni. Il fiore sarà protagonista anche nelle dimostrazioni di composizione floreale.

Acqua e fuoco in darsena

C'è un luogo magico a Villa Erba, un suggestivo "teatro" sull'acqua che invita a concedersi e ad assaporare il gusto di una pausa: la Darsena. Un luogo in cui il giovane Luchino Visconti, nelle calde estati lariane, amava cospargersi di talco e farina insieme ai fratelli e imitare le statue neo-classiche che ne ornavano la balaustra, per poi gettarsi nel lago al passaggio di esterrefatti turisti in battello. Per la quinta edizione di Orticolario, questo angolo dall'atmosfera unica sarà la fonte di ispirazione di "Acqua e Fuoco in Darsena", un progetto firmato da Francesco Mazzola per FDM F.lli Mazzola che, con il marchio iFlame, arrederà questo affascinante luogo, in un gioco di fuoco acqua metallo...

Espositori

Saranno oltre 200 gli espositori di Orticolario 2013, di cui la metà vivaisti. "La scelta degli espositori vivaisti - commenta Moritz Mantero - viene condotta privilegiando la qualità della ricerca e delle collezioni. Gli altri espositori devono invece avere caratteristiche di artigianalità e non essere presenti nella grande distribuzione. Il nostro obiettivo è formare ed educare il pubblico al bello, emozionandolo. Solo attraverso la qualità dei prodotti possiamo raggiungere questo risultato".

Ecco qualche piccola anticipazione per solleticare la curiosità…

Più di 50 sono i nuovi espositori che saranno presenti a Orticolario quest'anno. Tra i vivaisti, l'Azienda Agricola Oasi, che dalla Sicilia porterà cactacee, succulente e piante carnivore rare da collezione; dal Veneto arriveranno Agricola Geel Floricoltura con erbe aromatiche e officinali e La Società Agricola Arborea Farm con piante acquatiche e palustri rare ed insolite, tra cui ninfee, fiori di loto, iris, Hibiscus e graminacee da umido.

Dal Trentino Alto Adige Vivai Piante Omezzolli porterà le sue piante da frutto antiche, mentre Camellia sasanqua, aceri in varietà, eriche, Sciadopitys verticillata, Hedera in varietà, Nerine in varietà e alberi da frutto a spalliera saranno presentati dalla piemontese Azienda Agricola Oioli Marco Francesco.

La Toscana sarà ottimamente rappresentata da Silvano Sonnoli con meli a fiore, agrumi, Tradescantia e Duranta repens e dall'Azienda Agricola Picchi con una collezione di peperoncini, pomodori e aromatiche, l'Emilia Romagna da Angela Patruno, che tra i suoi bulbi porterà quello di Scilla maritima, e la Lombardia dalla Società Agricola Zanelli con echinacee, rudbeckie, Helleborus, orchidee rustiche, mini Hosta ed erbacee perenni.

Da non dimenticare infine I Giardini e le fronde, in arrivo dal Piemonte con arbusti, erbacee perenni, annuali, oltre alle recinzioni naturali e agli intrecci di rami, che saranno utilizzati anche per recintare lo spazio del Verduraio Matto.

Grande motivo d'orgoglio per Orticolario sarà la presenza tra gli espositori quest'anno della Società Agricola San Patrignano (Emilia Romagna), che si sposa perfettamente con le finalità sociali dell'evento, e che porterà piante da fiore e la sua produzione di vini, olio, miele e prodotti da forno.

Al gusto, e ai "peccati di gola in giardino", è dedicata questa quinta edizione di Orticolario. Non potevano dunque mancare nuovi espositori con proposte golose a base di prodotti derivanti dalla natura, come Ferri dal 1905 con spezie, legumi, frutta secca e candita, il trentino Delizia d. Klaus Juergen Wirths con l'ampia proposta di senapi prodotte artigianalmente, il Birrificio Italiano di Lurago Marinone (CO) che, in uno suggestivo spazio coperto da luppolo in fiore, servirà le sue birre artigianali, e la pugliese Azienda Agricola Petrignano con la sua produzione di olio extravergine di oliva biologico vegan ok, mandorle, nonché cosmesi a base di olio extravergine di oliva.

Altre curiose novità: l'Azienda Agricola Cotta Giuseppe arriverà dalla Liguria con lavande, fiori secchi di lavanda e con la sua produzione artigianale di olio essenziale di lavanda, profumi e cosmesi; LandAlab di Cernobbio (Co) accoglierà i visitatori in un giardino-frutteto caratterizzato da varietà storiche, graminacee e da prati fioriti, dove una serie di comparti regolari delimitati da basse sponde in legno annerito suddivideranno lo spazio in campiture rettangolari e dove verrà allestita anche un'area di degustazione di frutta con lunghe sedute; All'Origine, giovane azienda di Imola che interpreta in modo nuovo l'utilizzo di oggetti e materiali artigianali di recupero, porterà alcuni oggetti d'arredo tipici della vita casalinga e artigiana del passato recuperati in giro per l'Europa con l'obiettivo di serializzare i pezzi unici; infine, grazie alla collaborazione tra l'azienda varesina Sullalbero e il paesaggista toscano Stefano Mengoli, i visitatori potranno vivere un percorso dei sensi verso i prodromi della natura con Natur med, il dehors sensoriale sospeso sul ramo di un albero storico. Un mix ricercato e fruibile, che coinvolgerà la vista, l'olfatto e il tatto grazie ai tessuti Mantero Seta e agli allestimenti vegetali "Roof Garden" e "Vegetable Desk" realizzati assieme all'Azienda Agricola Marco Carmazzi (Torre del Lago - Lu), e pensati per aiutare a fermarsi un attimo lungo l'area espositiva a cogliere soluzioni di green design, manipolando l'uso di essenze da fiore commestibili, ortive e da frasca.

Anche Ethimo sarà presente con la sua collezione e due novità assolute, quale anticipo del catalogo 2014.

Tra le novità proposte dall'edizione 2013 di Orticolario ci sarà la collaborazione avviata con la Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri. Da più di 35 anni la Fondazione Casa di Carità opera all'interno del sistema penale piemontese e propone attività di formazione con l'obiettivo di contribuire a rendere il tempo della condanna un tempo di costruzione e di ripensamento. Ne sono nate esperienze di impresa sociale ricche di creatività, entusiasmo, voglia di vivere e di confrontarsi con il mercato. Ad Orticolario sarà presente la Gang del Truciolo che proporrà una linea di arredi nati dal recupero di pallet esausti, realizzati nei laboratori di falegnameria presenti all'interno e all'esterno della Casa di Reclusione di Saluzzo. Tutto l'allestimento dell'infopoint e dell'aula Magna saranno curati dalla Gang.

Accanto al legno saranno presentati i lavori in ferro legati al progetto Ferro&Fuoco Jaildesign, nato nell'officina della Casa di Reclusione Santa Caterina di Fossano.

Oltre ai mobili sarà possibile incontrare e gustare anche le realizzazioni di Banda Biscotti, progetto nato all'interno del piccolo carcere di Verbania, ora presente anche presso il carcere di Saluzzo. Banda Biscotti rappresenta uno dei progetti di maggiore successo: oggi i prodotti possono essere acquistati anche nei punti vendita Eataly, oltre che presso numerosi altri punti di distribuzione.

Tra i vivaisti Orticolario ospiterà Il Bolfone (Cherasco - CN) con la splendida collezione di 50 varietà di rosmarini e Geel Floricoltura (Carceri - PD), che proporrà erbe aromatiche e spontanee inusuali come artemisie, mirride, tanaceti, finocchio marino, cakile, ginepro. Il francese Pépinières Braun proporrà piante mediterranee rare e arbusti insoliti e il Vivaio Guido degli Innocenti (Tavarnuzze - FI) presenterà, oltre alle storiche collezioni di Iris, anche varietà nuove e rifiorenti.

Il Giardino di Massimo Perazzi (Torchio - NO), già vincitore nel 2012 del premio della giuria tecnica di Orticolario per l'erbacea perenne Mahonia Nitens "Cabaret" con la motivazione di rarità presente in mostra, presenterà altre novità e rarità.

Vivai Natale Torre (Milazzo - ME), oltre a grandi novità tra le piante esotiche, porterà una collezione di gelsomini insoliti e una selezione particolare di Plumerie; il Vivaio Fratelli Leonelli (Castelletto Sopra Ticino - NO) esporrà nuove varietà di Tricyrtis e di Aster; Vivaio Zanelli (Montichiari - BS) porterà Echinacee a pon-pon, mini Hosta e un tipo particolare di orchidea.

Ortisgreen (Brembate - BG), invece, presenterà Tivano, la parete vegetale da esterno dedicata al Lago di Como in cui sono inserite essenze perenni e tappezzanti come Alchemilla, Lonicera, Pachysandra, Bergenia, Carex, Geranium, Campanula, Helichera, Billbergia, e HOH! Hang.Oasi.Home, che permette a tutti di creare ed appendere nelle proprie case una piccola oasi di verde verticale.

Tra gli oggetti curiosi: meridiane artigianali, tutti pezzi unici, saranno proposti da Giuseppe Giudici, mentre da Milano Francesca Cutini presenta Barrel12, oggetti di arredo, vasi e fioriere ottenuti dal recupero di barili industriali riciclati.

Orticolario nasce dall'idea di un gruppo di amici che, oltre ad essere appassionati di piante e giardini, hanno voluto dedicare una speciale attenzione alla solidarietà. I contributi raccolti nel corso delle manifestazioni sono infatti destinati a finalità benefiche a favore di associazioni del territorio che si occupano di persone disagiate.

Orticolario. Per un giardinaggio evoluto. Peccati di gola in giardino

4-6 ottobre 2013 - Villa Erba Cernobbio (Como)

 Orari di apertura al pubblico Venerdì 4 ottobre: 12.00 - 20.00

Sabato 5 ottobre: 9.30 - 20.00

Domenica 6 ottobre: 9.30 - 19.00

Nelle giornate di sabato 5 e domenica 6 ottobre saranno attivi i battelli-navetta gratuiti tra Piazza Cavour e il pontile del parco di Villa Erba, nonchè un servizio navetta tra i parcheggi disponibili a Cernobbio e Villa Erba.

IngressoAlle casse: Euro 14,00

Online: Euro 12,00

Informazioni

Mail info@orticolario.it

Sito Internet www.orticolario.i

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento