Agricoltura: l'onorevole Paolo De Castro visita il caseificio Ferrari di Bedonia

"La visita dell'Onorevole Paolo De Castro ci onora e siamo particolarmente lieti di accogliere chi ha promosso la regolamentazione della produzione agricola di montagna in sede Europea - dichiara Laura Ferrari, Amministratore Delegato di Giovanni Ferrari Spa

Si è tenuta questa mattina  nell’ambito di un tour conoscitivo delle realtà agricole e rurali della comunità dell’Alta Val Taro, la visita al Caseificio di Giovanni Ferrari Spa di Bedonia da parte del Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo on. Paolo De Castro, accompagnato dal Vice Presidente della Provincia di Parma dott. Pier Luigi Ferrari e dai sindaci dei comuni di Bedonia e Compiano. L’occasione per avvicinarsi e conoscere il caseificio Ferrari, un’importante realtà del territorio della valle e fare il punto della situazione su alcuni temi relativi al settore caseario, settore a favore del quale il Paralamento Europeo ha di recente definito alcuni importanti provvedimenti.

La visita dell’Onorevole Paolo De Castro ci onora e siamo particolarmente lieti di accogliere chi ha promosso la regolamentazione della produzione agricola di montagna in sede Europea – dichiara Laura Ferrari, Amministratore Delegato di Giovanni Ferrari Spa - Una conquista importante della quale auspichiamo si diffonda la consapevolezza ad un pubblico allargato. Il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna dal nostro caseificio di Bedonia rappresenta una delle eccellenze dell’offerta Ferrari. Crediamo nell’autentico valore dell’agricoltura di montagna, il valore della qualità in diverse accezioni: caratteristiche organolettiche straordinarie, aromi intensi dal latte crudo dei pascoli, ma non solo. Una qualità intesa come provenienza da un ambiente incontaminato e come saper fare del maestro casaro che conosce il latte di ogni singolo produttore e “cucina” il formaggio in ogni caldaia con attenzione dedicata ed attenta. Fare agricoltura in montagna significa prendersi cura del territorio e tutelarlo. Un lavoro duro, ma indispensabile per preservare la diversità delle produzioni. Tutti questi aspetti della qualità sono valori attuali che interessano un pubblico che sa riconoscere un ottimo gusto ma ugualmente apprezza le valenze ambientali e culturali dei prodotti di montagna.

La nostra missione è di valorizzare questa produzione così peculiare rendendola disponibile ad un pubblico sempre più vasto attraverso i canali della distribuzione moderna, nei formati più adatti al consumo”. Tra le misure varate per il settore agroalimentare rientra infatti l’importante 'pacchetto' a favore del settore lattiero-caseario in Europa, che tutela il comparto dopo la grave crisi del 2009 che lo aveva messo in ginocchio a causa della caduta dei prezzi del latte. “Significative le novità introdotte – afferma De Castro -  tra le quali la possibilità di gestire e programmare i volumi produttivi dei formaggi Dop e di coinvolgere i rappresentanti del commercio nelle organizzazioni interprofessionali al fine di promuovere e consolidare positivi rapporti tra tutte le componenti della filiera. Misure di portata storica che, in una fase di forte e prolungata volatilità dei mercati come quella attuale, assumono un significato ancora più strategico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il pacchetto latte, il Parlamento europeo ha approvato un altro fondamentale provvedimento legislativo che ha visto l'introduzione di modifiche significative e migliorative rispetto alla proposta iniziale della Commissione Ue. “Pensiamo, solo per citare le più importanti – continua De Castro - alle nuove regole per tutelare i prodotti certificati dalle usurpazioni, imitazioni ed evocazioni (cosiddetto "ex officio"), alla possibilità di indicazione in etichetta dei “marchi d’area”, alla salvaguardia dei prodotti STG e all’indicazione facoltativa di ‘prodotto dell'agricoltura di montagna’, senza dimenticare il lavoro a difesa dell’estensione della lista di prodotti ammissibili a certificazione europea, con l’inclusione di alcuni simboli del nostro Made in Italy".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Nuovo Dpcm entro il 9 novembre: stretta sulla attività commerciali e gli spostamenti interregionali

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento