Parmigiano Reggiano, crisi del comparto: al via il ritiro di 90 mila forme

A fronte della crisi di mercato che da inizio 2014 investe il comparto e del conseguente rischio di difficoltà crescenti per allevatori e caseifici, l’Ente di tutela farà scattare a giorni il ritiro di 90.000 forme di produzione 2013

Puntano decisamente a salvaguardare il reddito dei produttori i nuovi interventi congiunturali e strutturali varati dal Consiglio di amministrazione del Consorzio del Parmigiano Reggiano.  A fronte della crisi di mercato che da inizio 2014 investe il comparto (le quotazioni all’origine sono scese di oltre 1 euro/kg) e del conseguente rischio di difficoltà crescenti per allevatori e caseifici, l’Ente di tutela farà scattare a giorni il ritiro di 90.000 forme di produzione 2013, che rappresentano il 2,75% della produzione dello scorso anno. 

“Questo primo provvedimento – spiega il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai – è stato assunto a fronte di una produzione sostanzialmente stabile (da ottobre 2013 a maggio 2014 si registra, anzi, un calo pari a 3.000 forme), di un export segnato da un buon trend (+4,8% nel primo trimestre 2014), ma da una situazione congiunturale pesante che interessa le vendite sul mercato interno, conseguenza della condizione generale particolarmente difficile per i consumi alimentari in questi primi mesi del 2014”. 

“A questo primo ed immediato intervento – prosegue Alai – seguirà il rilancio di azioni più strutturali, che vanno ad affiancare quei piani di regolazione dell’offerta che hanno già mostrato la loro incidenza sull’andamento della produzione”. In particolare, il Consiglio del Consorzio del Parmigiano Reggiano rafforzerà le azioni promozionali per le vendite sul mercato interno sia attraverso la GDO che con le vendite dirette all’interno dei caseifici. Contestualmente saranno rafforzati i controlli di mercato per contrastare usurpazioni e contraffazioni, specie nei mercati esteri, con l’obiettivo di raddoppiare i controlli effettuati, estendendoli a livello mondiale per una copertura completa dei mercati di sbocco. 

Il nuovo “pacchetto” di azioni consortili, approvato all’unanimità dal Consiglio di amministrazione, si inserisce nel primo anno di entrata in vigore del nuovo piano produttivo, “che fa del Parmigiano Reggiano – spiega Alai – l’unico formaggio in Europa che ha visto l’assegnazione delle quote direttamente in capo agli allevatori, puntando alla continuità e alla buona tenuta della filiera”. Alla luce delle nuove condizioni di mercato, per il corretto ed efficace funzionamento del piano produttivo dovranno essere ora verificati i parametri di riferimento più idonei al ripristino di condizioni di equilibrio riferite alla tutela dei redditi dei produttori. Sull’insieme degli interventi varati dal Consiglio e sulle future strategie si confronteranno anche i consorziati nell’Assemblea in programma il prossimo 23 luglio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Coronavirus, a Parma otto nuovi casi: nessun decesso in tutta la regione

Torna su
ParmaToday è in caricamento