Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Piano Sviluppo Rurale ER, l’Emilia Centrale avvia i primi 13 interventi in favore dell’agricoltura

I finanziamenti europei per un milione e 370 mila euro hanno l’obiettivo di prevenire il dissesto e ridurre le conseguenze delle calamità naturali in collina e in montagna

Con il duplice obiettivo di tutelare l’agricoltura dei comprensori gestiti e di contrastare i movimenti franosi causati dal dissesto nelle zone collinari e montane l’Emilia Centrale ha dato il via ai primi progetti del Piano Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna finanziato dall’Unione Europea: 13 interventi dall’importo complessivo di un milione e 370 mila euro – sulla totalità dei 31 approvati dalla Regione Emilia-Romagna per un valore finale di 3,5 milioni di euro – che coinvolgeranno alcune aree di aziende agricole comprese tra le province di Reggio Emilia, Modena e Parma grazie ad una serie di investimenti in azioni di prevenzione allo scopo di ridurre le conseguenze delle calamità naturali e di cui beneficeranno, oltre alle aziende agricole, anche i relativi territori limitrofi.

Nel dettaglio, gli interventi – che riguardano opere drenanti con fossi a cielo aperto per regimazioni idrauliche di superficie – verranno realizzati, per la provincia di Reggio Emilia: in località Vogno, nel Comune di Toano (previsto, a breve, l’avvio degli interventi nel territorio di Castelnovo ne’ Monti). Per quanto riguarda la provincia di Modena: in località La Libbra nel Comune di Lama
Mocogno; in località Ca’ Simone e Molino Battistoni, nel Comune di Pavullo nel Frignano; in località Casa Favale, nel Comune di Frassinoro; in località S. Martino, Casa Merciadro e Gombola, nel Comune di Polinago; in località Montegibbio, nel Comune di Sassuolo; in località Castelvecchio, nel Comune di Prignano; in località Fazzano, nel Comune di Serramazzoni; e in località Casa Ricci, nel Comune di Palagano. Per la provincia di Parma, infine: in località Vairo, nel Comune di Palanzano.

“Con questa prima tranche di interventi, cui a breve faranno seguito gli altri – precisa Marcello Bonvicini, Presidente del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale – l’Ente conferma il suo fondamentale ruolo a supporto dell’attività agricola, molto importante non solamente sotto l’aspetto economico, ma anche e soprattutto perché l’agricoltura in montagna e collina contribuisce a mantenere l’equilibrio idrogeologico del suolo del territorio. Ringraziamo l’amministrazione regionale per il significativo finanziamento, insieme all’Unione Europea, di queste capillari tipologie di azioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano Sviluppo Rurale ER, l’Emilia Centrale avvia i primi 13 interventi in favore dell’agricoltura

ParmaToday è in caricamento