rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Economia

Lavoro, la sentenza: "I riders sono lavoratori subordinati (all'algoritmo)"

La rubrica "Buone sentenze" dell'UVL-Ufficio Vertenze Lavoro della CGIL di Parma

La rubrica "Buone sentenze" dell'UVL-Ufficio Vertenze Lavoro della CGIL di Parma si occupa questa volta di un pronunciamento molto importante relativo ai ciclofattorini, i cosiddetti riders, quello del Tribunale del Lavoro di Milano che ha emesso una importante sentenza in cui li ritiene a tutti gli effetti lavoratori subordinati. A fronte della decisione di Uber Eats di abbandonare il territorio italiano e di cessare i rapporti di collaborazione in essere con i rider, il Tribunale ha stabilito che doveva seguirsi la procedura prevista per i licenziamenti collettivi in quanto i lavoratori andavano a tutti gli effetti considerati come lavoratori dipendenti e non autonomi.

Il commento di Alessandra Tazzi, UVL CGIL Parma, è disponibile a questo link

Per ogni dubbio, informazioni o pratica relativi a inadempimenti contrattuali, controllo buste paga, mancato pagamento del Tfr, impugnazione licenziamento, informazioni su mansioni e demansionamenti e molto altro è possibile contattare l'Ufficio Vertenze CGIL Parma scrivendo a: pr.vertenze@er.cgil.it.

BUONE SENTENZE arriva anche su Facebook: per restare aggiornati è possibile seguire la pagina 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, la sentenza: "I riders sono lavoratori subordinati (all'algoritmo)"

ParmaToday è in caricamento