Gruppo Tas, sciopero dei lavoratori: fermi anche all'ex Data Systems

Davide Fellini, Fiom Cgil: "Le richieste di lavoratori e rappresentanze sindacali riguardano il mantenimento di tutti i diritti sindacali come già previsti dalla contrattazione nazionale e dalla legge"

E' in corso per l’intera giornata odierna lo sciopero di tutti i dipendenti del Gruppo Tas (che comprende la ex Data Systems di Parma in via Colorno), dopo le 4 ore effettuate il 15 giugno scorso che hanno visto una consistente adesione con punte in alcune sedi prossime al 100%.

In attesa dell’incontro con la direzione aziendale, fissato per il prossimo 12 luglio, il coordinamento Rsu Tas, insieme a Fiom Cgil di Bologna, Roma e Parma, a sostegno delle ragioni dei lavoratori, risponde con un’intensificazione della mobilitazione ai "tentativi dell’azienda di rassicurare e depistare i propri dipendenti sui punti oggetto della vertenza in atto", come si legge in una nota della Cgil.

“Infatti – spiega Davide Fellini, della Fiom Cgil di Parma -, le mail inviate dalla direzione aziendale ai propri dipendenti, nonché le riunioni effettuate in alcune sedi, non possono che considerarsi come un tentativo, dalla dubbia legittimità e senza alcun valore concreto, di delegittimazione della controparte sindacale”.

“Le richieste di lavoratori e rappresentanze sindacali riguardano – ricorda Fellini - il mantenimento di tutti i diritti sindacali come già previsti dalla contrattazione nazionale, dagli accordi interconfederali, dalla legge e dagli accordi aziendali, di cui oggi i lavoratori, la Fiom Cgil e la RSU sono titolari nonché il mantenimento di tutti i diritti previsti dal CCNL del 2008; la non applicazione di deroghe peggiorative di tali diritti introdotte col contratto del 2009 che l’azienda continua a considerare unico contratto vigente e riguardo alle quali il recente accordo interconfederale non apporta alcun elemento di sostanziale novità per i lavoratori metalmeccanici; la condivisione e definizione di strategie aziendali in grado di dare concrete prospettive circa il mantenimento dei livelli occupazionali”.

Rispetto a tali rivendicazioni, sindacato di categoria e lavoratori ribadiscono che “l’unica strada da seguire è quella di sottoscrivere un accordo sindacale che formalizzi quanto l’azienda va pretestuosamente proclamando ai quattro venti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Coronavirus, a Parma otto nuovi casi: nessun decesso in tutta la regione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento