Gruppo Tas, sciopero dei lavoratori: fermi anche all'ex Data Systems

Davide Fellini, Fiom Cgil: "Le richieste di lavoratori e rappresentanze sindacali riguardano il mantenimento di tutti i diritti sindacali come già previsti dalla contrattazione nazionale e dalla legge"

E' in corso per l’intera giornata odierna lo sciopero di tutti i dipendenti del Gruppo Tas (che comprende la ex Data Systems di Parma in via Colorno), dopo le 4 ore effettuate il 15 giugno scorso che hanno visto una consistente adesione con punte in alcune sedi prossime al 100%.

In attesa dell’incontro con la direzione aziendale, fissato per il prossimo 12 luglio, il coordinamento Rsu Tas, insieme a Fiom Cgil di Bologna, Roma e Parma, a sostegno delle ragioni dei lavoratori, risponde con un’intensificazione della mobilitazione ai "tentativi dell’azienda di rassicurare e depistare i propri dipendenti sui punti oggetto della vertenza in atto", come si legge in una nota della Cgil.

“Infatti – spiega Davide Fellini, della Fiom Cgil di Parma -, le mail inviate dalla direzione aziendale ai propri dipendenti, nonché le riunioni effettuate in alcune sedi, non possono che considerarsi come un tentativo, dalla dubbia legittimità e senza alcun valore concreto, di delegittimazione della controparte sindacale”.

“Le richieste di lavoratori e rappresentanze sindacali riguardano – ricorda Fellini - il mantenimento di tutti i diritti sindacali come già previsti dalla contrattazione nazionale, dagli accordi interconfederali, dalla legge e dagli accordi aziendali, di cui oggi i lavoratori, la Fiom Cgil e la RSU sono titolari nonché il mantenimento di tutti i diritti previsti dal CCNL del 2008; la non applicazione di deroghe peggiorative di tali diritti introdotte col contratto del 2009 che l’azienda continua a considerare unico contratto vigente e riguardo alle quali il recente accordo interconfederale non apporta alcun elemento di sostanziale novità per i lavoratori metalmeccanici; la condivisione e definizione di strategie aziendali in grado di dare concrete prospettive circa il mantenimento dei livelli occupazionali”.

Rispetto a tali rivendicazioni, sindacato di categoria e lavoratori ribadiscono che “l’unica strada da seguire è quella di sottoscrivere un accordo sindacale che formalizzi quanto l’azienda va pretestuosamente proclamando ai quattro venti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • Buoni spesa, Pizzarotti: "Da venerdì si potrà compilare il modulo online: ecco chi potrà chiederli"

  • Coronavirus, Parma piange altri 25 morti e 118 nuovi casi: il totale supera i 2.200

  • Coronavirus, Venturi contro Borrelli: "Il 1° maggio a casa? Smettetela di diffondere opinioni senza certezze"

  • Coronavirus, Fidenza: ecco come avere i buoni spesa

Torna su
ParmaToday è in caricamento