menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La sicurezza in casa prima di ogni cosa

Un tempo la prima ansia degli italiani era legata alla loro salute, dopo la crisi quella che prevale su tutte è quella di sentirsi al sicuro in casa propria. Oggi tre persone su quattro hanno dotato le loro abitazioni di sistemi di sicurezza e il 76% di chi cerca una casa nuova reputa questo aspetto quasi irrinunciabile

Con la crisi si aguzza l’ingegno: in tutte le epoche storiche i periodi di difficoltà hanno rappresentato momenti di svolta e grandi cambiamenti. Pare sia successo anche nel caso di quella che stiamo vivendo dal 2007 e che ha generato importanti rivoluzioni non solo nel modo di vivere, ma anche in quello di pensare degli italiani.

Ipsos ha chiesto qual è l’ansia maggiore generata dalla crisi e se un tempo si rispondeva subito con quella legata alla salute, oggi la prima risposta riguarda la casa e il sentirsi al sicuro all’interno delle mura domestiche. Oltre un italiano su due, infatti, ammette di non provare un senso di sicurezza dentro la sua abitazione. A comprovare l’attenzione verso questo tema arrivano anche i numeri di Immobiliare.it che ha evidenziato come il 76% di chi cerca una casa nuova reputa la sicurezza come una caratteristica molto importante.

A distanza di dieci anni il numero di case dotate di sistemi di sicurezza è passato dal 50% del 2004 al 75% attuale. Ma il consiglio a chi decide di installare strumenti di controllo nella propria casa a Parma (link per cercare case a Parma) è quello di optare per le tecnologie più avanzate.

La ricerca dimostra infatti come chi ha scelto l’avanguardia della sicurezza riesce a sentirsi al sicuro nel 33% dei casi, contro il 22% di chi ha installato sistemi tradizionali.
La principale evidenza dello studio riguarda la privacy: ormai siamo disposti a ridurla pur di rendere le nostre case il più sicure possibili.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento