Eventi, Festival PartecipeRete: "Quale futuro per i beni comuni?"

"2037, città bene comune: sospesi tra la città che sarà e quella che desideriamo", il tema della prima edizione del Festival, organizzato da una rete di associazioni e movimenti, il 7 e 8 ottobre al Teatro Due

"Abbiamo tutti quanti bisogno di rivedere il futuro e di pensare che il futuro esiste. Alla luce di un concetto fondamentale che sono i beni comuni, che abbiamo visto, col coordinamento per l'acqua pubblica essere davvero importanti nelle persone e scuotere coscienze che sembravano completamente sopite. Noi dobbiamo superare questa sensazione di impotenza e il primo passo è partecipare".
 

Queste le parole di Patrizia Ageno, coordinamento acqua pubblica di Parma, nel descrivere le motivazioni alla base della nascita di "PartecipeRete- i laboratori dell'immaginario", il primo festival partecipato sui beni comuni. Incontri, seminari interattivi, sociodramma, solo alcuni punti del programma che si snoderà il 7 e 8 ottobre al Teatro Due. "2037, città bene comune: sospesi tra la città che sarà e quella che desideriamo”, il tema della prima edizione del Festival.
La rete del festival è composta da numerose associazioni e movimenti, tra cui Legambiente, Cgil, Gcr, Coordinamento acqua pubblica, nell'intento di creare un luogo di riflessione sui beni comuni partendo dal basso, ossia da chi volesse aderire ai laboratori, con stimoli e confronti reciproci sulle modalità con le quali dare vita a un futuro sostenibile, attraverso la protezione e valorizzazione dei beni comuni. Improvvisazioni con musicisti e attori, spazi didattici per le scuole e laboratorio di scrittura creativa, oltre alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici a chilometro zero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad aprire il programma l'incontro, il 7 ottobre alle 17,30, per discutere sul futuro dell'acqua nel territorio con il direttore Emilia Ambiente Dino Pietralunga, il direttore di Montagna 2000 Mauro Bocciarelli, il direttore Iren Andrea Viero e Antonio Bodini dell'Università di Parma. Ampia finestra di incontri e dibattiti con gli studenti, come l'incontro sul futuro della carta stampata con gli alunni del Liceo Marconi alle 19,45. Atteso incontro alle 21,00 “Dialoghi dal futuro” -visioni sulla città sospesi tra generazioni, generi e saperi, per discutere sulla sorte dei beni comuni con Marco Boschini, Khalid Chouki, direttore Minareti.it, il filosofo Diego Fusaro e il giornalista di Presa Diretta Rai Tre Danilo Procaccianti. Incontri, dibattiti e laboratori che proseguono anche il 8 ottobre, con il monologo improvvisato dal futuro, l'esposizione e i dibattitti sulle idee emerse dai laboratori con i partecipanti e l'improvvisazione 'Bod(y)Sattva', della Compagnia "Mano Bianca" a conclusione della prima edizione del festival.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento