a.p.e. onlus aderisce al fertility day_conferenza a parma e villaggi della fertilità a roma e catania, giovedì 22 settembre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

A.P.E. Onlus aderisce al Fertility Day

Conferenza a Parma e Villaggi della Fertilità a Roma e Catania

Giovedì 22 settembre

Anche A.P.E. Onlus Associazione Progetto Endometriosi (www.apeonlus.it), aderisce al primo Fertility Day, che si celebrerà il 22 settembre, una giornata nazionale che rappresenta il punto centrale delle iniziative previste dal Piano Nazionale per la fertilità. L'A.P.E. Onlus, un gruppo di donne affette da endometriosi che si basa sul reciproco sostegno, conforto e aiuto e da anni è impegnata in un'importante campagna di sensibilizzazione sull'endometriosi, ha organizzato a Parma, presso la Sala Civica Cittadella, Via Bizzozzero 13 alle 20.45, una conferenza pubblica e aperta alla cittadinanza dal titolo: "Fertilità nella donna e nella coppia",che affronterà il tema della fertilità della donna e della coppia e dell'infertilità come conseguenza della patologia endometriosi. Verranno illustrate le moderne tecniche di procreazione medicalmente assistita e si parlerà in generale di tutto ciò che può aiutare a preservare la fertilità nelle donne. Aprirà la conferenza Jessica Fiorini, Vice Presidente A.P.E Onlus, che illustrerà le attività dell'associazione. A seguire, gli interventi del Dott. Martino Rolla, Responsabile Ambulatorio Endometriosi dell'Ospedale Maggiore di Parma e del Dott. Lorenzo Barusi, Responsabile del Centro di Procreazione Medicalmente Assistita e infertilità di coppia dell'Ospedale Maggiore di Parma. Si aprirà poi una sezione di discussione e domande con il pubblico. Il Fertility Day, indetto dal Ministero della Salute, costituirà un'occasione per richiamare l'attenzione di tutta l'opinione pubblica sul tema della fertilità e della sua protezione, attraverso il coinvolgimento dei giovani, degli insegnanti, delle famiglie, dei medici, delle farmacie, degli ordini professionali, delle associazioni e società scientifiche e delle istituzioni locali (Comuni e Scuole, innanzitutto), che saranno coinvolte nella realizzazione di incontri formativi/informativi realizzate sul territorio.

A.P.E. Onlus sarà anche presente nei Villaggi della Fertilità a Roma, con la volontaria Francesca Passaro e Catania con Martina Scavone , che in questi punti informativi composti da una serie di gazebo, insieme ad altri esperti, associazioni e società scientifiche, offriranno agli interessati consigli e informazioni.

Le attività sono promosse dal Ministero attraverso una campagna di comunicazione sui social network, la realizzazione di un sito tematico www.fertilityday2016.it dedicato all'iniziativa e la produzione materiale editoriale ad hoc diffuso nei Villaggi della Fertilità, pubblicato in formato scaricabile sul sito nel Ministero www.salute.gov.it e inviato a tutti i Sindaci che hanno aderito al Fertility Day. Per informazioni sulle attività alle quali l'A.P.E. partecipa: info@apeonlus.com

A.P.E. ONLUS è un'associazione senza scopo di lucro che nasce nell'ottobre del 2005 su iniziativa di un gruppo di donne, con esperienza di endometriosi vissuta sulla propria pelle o con storie di volontariato attivo in altre realtà. Dal 6 aprile la presidente è Annalisa Frassineti, del gruppo Forlì - Cesena - Ravenna. L'obiettivo principale di A.P.E. Onlus è quello di diramare notizie e informazioni sulla malattia così diffusa, ma così poco conosciuta. Attraverso il racconto di esperienze e testimonianze si vuole porre una crescente attenzione verso una patologia di cui gli stessi specialisti sovente sottovalutano le diverse implicazioni. Creare una rete di collegamento con altre associazioni per ottenere diritti e riconoscimento da parte delle strutture pubbliche e della legislazione per campagne di sensibilizzazione tra le donne, in consultori e presso i medici di base.

Info: 329 3449704 - info@apeonlus.com, www.apeonlus.it

Torna su
ParmaToday è in caricamento