architetture, religioni, culture

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

L’associazione UCAI Sezione di Parma è lieta di presentare il progetto di Religions For Peace Italia Europa, Forum interreligioso di Parma e Associazione G.Bellerio ARCHITETTURE, RELIGIONI, CULTURE e GIARDINI, RELIGIONI, CULTURE INAUGURAZIONE E CONVEGNO DOMENICA 2 FEBBRAIO 2020 ALLE ORE 16 Con il Patrocinio del Comune di Parma-Assessorato Cultura-Parma2020 e con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Parma fino al 13 febbraio 2020 Orari di apertura: da martedì a sabato 10-12 e 16-19; domenica 16-19; lunedì chiuso Domenica 2 febbraio alle ore 16 (anteprima di apertura sabato 1 febbraio alle ore 17) presso la Galleria S.Andrea in Via Cavestro 6 a Parma si terrà l’inaugurazione di “Architetture, religioni, culture” ideato e promosso da Religions for Peace in collaborazione con Associazione G.Bellerio, Forum Interreligioso di Parma ed UCAI Sezione di Parma, e con il Patrocinio del Comune di Parma e dell’ Università di Parma. Il progetto articolato in una mostra fotografica di alcune tra le più significative architetture rappresentative di varie religioni e i due convegni di apertura del 2 febbraio dedicato all’architettura religiosa e quello di chiusura di mercoledì 12 febbraio dedicato ai giardini sacri, rientra nella programmazione di Parma2020 tra i progetti idonei. Come spiega il Dr.Luigi De Salvia Presidente di Religions For Peace Italia e Europa: “Per una città come Parma, così ricca di bellezze architettoniche in generale ed in particolare relative ai luoghi sacri, è quanto mai appropriato nell’anno speciale che la vede Capitale della Cultura 2020 ospitare due mostre abbinate nello stesso suggestivo spazio della Galleria S.Andrea, ex chiesa tardomedievale, che hanno a che fare con la dimensione del sacro: una relativa alla presentazione di luoghi sacri della città in dialogo con luoghi sacri delle varie tradizioni religiose del mondo e l’altra sui giardini ispirati dalla dimensione religiosa. Entrambe le mostre sono accompagnate da momenti di studio e riflessione che ne spiegano il senso: il convegno inaugurale del 2 febbraio “ARCHITETTURE, RELIGIONI, CULTURE” con ospiti provenienti da un panorama internazionale (in allegato i C.V.), e la conferenza del 12 febbraio con il Prof.re Carlo Mambriani e la Prof.ssa Maria Augusta Favali “ GIARDINI, RELIGIONI, CULTURE”. Questi eventi sono stati programmati all’inizio di Febbraio collocandosi così all’interno delle iniziative che si svolgono in varie parti del mondo nell’ambito della settimana dedicata all’amicizia tra i seguaci delle varie religioni, l’Interfaith Harmony Week, istituita nel 2010 dall’ONU e celebrata dal 2011 nella prima settimana di Febbraio. Inoltre verranno organizzate appositamente con le scuole alcune visite guidate nella mostra con gli esperti ideatori del progetto. L’ Associazione Religions For Peace è un movimento multireligioso per indicare che ad esso partecipano in piena uguaglianza persone che provengono dalle grandi religioni del mondo (Baha’i, Buddismo, Confucianesimo, Cristianesimo, Ebraismo, Giainismo, Induismo, Islam, Scintoismo, Sikh, Taoismo, Zoroastrismo ed altre tradizioni locali), nel rispetto delle convinzioni di ognuna, per mettere a contributo la saggezza spirituale delle diverse fedi religiose per fare crescere l’amore e la fiducia reciproca fra gli uomini e nella ricerca della pace e della giustizia. La convinzione di partenza è quella che dove si realizza una autentica comunione con il divino nasce anche una sincera comunione fra gli uomini e che in tutte le tradizioni religiose esistono insegnamenti di amore e di benevolenza che spingono alla fraternità e alla solidarietà. (www/religioniperlapace/italia.org) L’ Associazione di Promozione Sociale “Gianni Ballerio” nasce nel 2003 e ad oggi ha realizzato circa 500 progetti in Italia e sostiene ONG che operano in ambito internazionale: RD Congo, Togo, Pakistan. Le finalità dell’associazione, ispirata ai principi bahá’í, sono lo sviluppo di una civiltà fondata sulla pace, sulle pari opportunità tra donne e uomini e bambini, sulla giustizia ed equità nei rapporti tra i popoli, sul diritto alla salute e il diritto all’educazione per ogni essere umano, sul dialogo e la collaborazione tra le religioni, sulla conoscenza di culture diverse e sulla sostenibilità ambientale ed energetica. Il Forum Interreligioso di Parma nasce nell’ottobre 2006. Come spiega il coordinatore Luciano Mazzoni “La costante collaborazione tra le principali presenze religiose è il senso della nostra assidua presenza e della nostra costante attenzione verso ogni forma di violazione della libertà religiosa oltre che dei diritti inalienabili della persona umana. Confermiamo la nostra disponibilità a fungere da elemento di servizio e supporto alle Istituzioni ed alla Comunità locale”.

Torna su
ParmaToday è in caricamento