menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il tuo bambino piange troppo? Vuoi consigli su come comportarti?

Presentata “Don’t shake baby”, la campagna di informazione rivolta ai genitori sui comportamenti corretti da tenere di fronte al pianto prolungato del neonato

Al via la campagna di informazione e sensibilizzazione “Don’t shake baby”, rivolta ai genitori, promossa da Associazione Colibrì, Aziende sanitarie parmensi, Comune di Parma e Fondazione Cariparma.
La campagna “Don’t shake baby” si propone di informare i genitori e, più in generale, le persone che si prendono cura di bambini piccoli sui comportamenti corretti da tenere di fronte al pianto prolungato per prevenire la sindrome del bambino scosso, che può causare convulsioni, disabilità motorie e intellettive, gravi danni alla vista, lesioni irrimediabili al sistema nervoso e, talvolta, perfino la morte.
Il progetto è ideato da Cinzia Magnani, neonatologa dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

L’obiettivo principale dell’iniziativa è sensibilizzare le persone che si prendono cura dei bambini al fine di aiutarle a non sentirsi colpevoli se, di fronte al pianto insistente del neonato, avvertono un senso di stanchezza o inadeguatezza. È vero, infatti, che nei primi mesi di vita i bambini possono piangere molto. Si tratta di una fase tipica, che viene successivamente superata.

Attraverso il sito www.dontshakebaby.com sarà diffuso un filmato suggestivo di circa cinque minuti che mostra in modo diretto cosa non si deve fare e propone informazioni immediate sulla gestione di questa delicata situazione.
Sul sito www.colibriparma.it è disponibile una pagina informativa nella quale è possibile individuare suggerimenti per affrontare paure, ansie, perplessità o porre domande su come comportarsi. Le informazioni, raccolte in un opuscolo in forma di domanda e risposta, saranno distribuite in tutti i reparti del dipartimento Materno-infantile dell’Ospedale di Parma e nei reparti  di Pediatria, Ostetricia e Ginecologia degli ospedali di Fidenza e Borgotaro, nei Consultori familiari dell’AUSL, negli ambulatori dei Pediatri di Libera scelta e saranno rese disponibili anche sui siti web delle due Aziende sanitarie, agli indirizzi www.ao.pr.it e www.ausl.pr.it.


La campagna di informazione e sensibilizzazione comprende un corso di formazione - aperto anche al pubblico - dal titolo “Il pianto del bambino nei primi mesi di vita: limiti tra fisiologia e patologia”, che si terrà venerdì 17 giugno a partire dalle ore 15 presso la sala congressi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria (ingresso consigliato via Abbeveratoia). L’iniziativa è rivolta in particolare a pediatri, ostetriche e infermieri per supportare i genitori nella gestione quotidiana del bambino e per ridurre il loro senso di frustrazione, prevedendo stati di depressione e gesti errati e pericolosi per il piccolo.

Tra i relatori, il direttore del dipartimento Materno-infantile dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Giulio Bevilacqua, Gianpaolo Donzelli dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer di Firenze e Paolo Villani, direttore della Pediatria dell’ospedale di Vaio – AUSL di Parma.

A portare i saluti delle autorità, Bruna Baldassarri dell’Assessorato alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento