Butterfly di Kinkaleri è opera dai sentimenti contrastanti

«Questa è una storia ambientata nel lontano Oriente, in Giappone, più di cento anni fa»: Marco Mazzoni, interprete insieme a Yanmei Yang, introduce la nuova incursione di Kinkaleri nel modo poetico di Giacomo Puccini (il primo episodio fu la messa in scena di Nessun Dorma, dalla Turandot, nel 2010). L’opera in tre atti, liberamente tratta dalla Madame Butterfly del celebre compositore toscano, è una commovente storia d'amore, triste e dolcissima, che intende far riscoprire a un pubblico di giovanissimi l'opera come forma attuale di rappresentazione, indagata attraverso il lavoro di ricerca sui linguaggi contemporanei.  Butterfly di Kinkaleri è opera dai sentimenti contrastanti (amore ed egoismo, dolcezza e asprezza, furore e remissione) e di culture che si fronteggiano (tradizione e modernità, Oriente e Occidente). Il Giappone, terra allora lontana di incanti e di misteri, diventa la cornice ideale dove collocare l'appassionante vicenda dei due protagonisti: la splendida Butterfly, giovane donna che Pinkerton, tenente della marina degli Stati Uniti e yankee americano che tutto può avere, sposa legandola a sé per tutta la vita. La ragazza cede all'amore in modo completo e totale, come totale è quest'opera, sviluppata attraverso le ambientazioni musicali e l'uso di colori e segni. Lo spettacolo procede infatti per accumulazione di codici espressivi, epoche ed ambiti culturali proteiformi: la grande tradizione operistica italiana e i linguaggi visivi contemporanei, la prassi del recitar cantando e l'inserimento di brani di musica moderna. Questa scelta risuona nell’essenzialità dell'allestimento in un continuo ribaltamento di piani di visione, caratterizzati da personaggi ed effetti creati a vista: un sofisticato gioco di costruzione e videoproiezioni della scena, una organica successione di ambientazioni pop e coinvolgenti affondi lirici per arrivare al compimento del dramma e alla maestosa catarsi finale.

Lo spettacolo, diretto e adattato da Massimo Conti, Marco Mazzoni e Gina Monaco, prodotto da Kinkaleri / Teatro Metastasio Stabile della Toscana, in collaborazione con FTS Fondazione Toscana Spettacolo onlus, non è una semplice riduzione del capolavoro pucciniano, ma una sua rigorosa riscrittura, che intende rinnovare un linguaggio consolidato ma a volte percepito come inaccessibile, restituendogli le originarie capacità comunicative ed emozionali.

Per informazioni tel. Teatro al Parco 0521/992044 989430 briciole@solaresdellearti.itwww.solaresdellearti.it/teatrodellebriciole.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Insolito Festival: esplorazioni urbane per adulti e bambini dal 24 giugno al 15 settembre

    • dal 24 giugno al 15 settembre 2020
    • Giardino Segreto del Castello dei Burattini

I più visti

  • Parma 2020 in 48 ore: un itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura

    • dal 15 gennaio al 30 settembre 2020
    • Location varie
  • Florilegium di Rebecca Louise Law a Parma2020 per Pharmacopea

    • Gratis
    • dal 29 febbraio al 19 dicembre 2020
    • Antica Farmacia S. Filippo Neri
  • Il Tempo della Scienza: la Citizen Science per scoprire la natura delle Aree Protette

    • dal 6 febbraio al 18 ottobre 2020
    • Location varie
  • Il 13 giugno 2020 riapre la mostra “Van Gogh Multimedia & Friends” a Parma, Capitale della Cultura 2020 + 2021

    • dal 13 giugno al 16 agosto 2020
    • Palazzo Dalla Rosa Prati
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento