Sara Chiussi & Emilio Vicari Duo, il 22 febbraio al Ratafià Teatrobar‏

Prosegue con successo al Ratafià Teatrobar di via Oradour la rassegna domenicale dedicata alla canzone d'autore. Domenica 22 febbraio l’appuntamento è con il duo composto da Sara Chiussi (voce e chitarra) ed Emilio Vicari (chitarra e voce).

I due musicisti si esibiscono in coppia dall'estate del 2007 e, da oltre dieci anni, sono componenti fissi del gruppo Anime Salve, tributo a Fabrizio de André. La comune passione per la musica d'autore li ha portati a condividere l'esperienza del collettivo Manìnblù, guidato dal cantautore colornese Alberto Padovani, e a fondare con i fratelli Enrico e Gabriele Fava il quartetto Songriders. L'intensa attività dal vivo e in studio si è negli anni arricchita di numerose collaborazioni con diverse realtà musicali parmensi e non solo.

Sul palco del Ratafià il duo porterà una selezione di brani dalla tradizione del cantautorato italiano e del country-folk anglosassone, da Bob Dylan a Paul Simon, da Ivano Fossati a Fabrizio de André, con brevi incursioni in territori meno battuti come il rock anni '90 e i musical anni '70. Il tutto arrangiato in chiave rigorosamente acustica, con esecuzioni sobrie ed essenziali che si fondono sull'intreccio tra l'eclettica chitarra di Emilio e l'intensa voce di Sara.

Possibilità di cenare a partire dalle 20.00.

Il concerto inizierà alle 21.30 circa.

Info: mob. +39.340.3608218 www.ratafia-teatrobar.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • corso guide museo guatelli

    • Gratis
    • dal 9 marzo al 13 aprile 2021
    • Museo Guatelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento