"Officine Libertà" di e con Gianluca Foglia, 18 marzo ore 21, Sala Clivio Centro Civico di Sorbolo (Parma) - Narratour 2015‏

Dopo il trionfale debutto dello scorso anno a Milano (oltre 1300 gli spettatori nelle storiche Officine ATM), mercoledì 18 marzo alle ore 21 arriva alla Sala Clivio del Centro Civico di Sorbolo (via Gruppini), con ingresso libero, “OFFICINE LIBERTA’ - l’Onda della Madonnina” la nuova narrazione con musica e disegno dal vivo di Gianluca Foglia in arte “Fogliazza”, musiche originali eseguite dal vivo da Emanuele Cappa, appuntamento del Narratour 2015 che sta portando l’artista parmigiano con i suoi spettacoli (Memoria Indifferente e Officine Libertà) in giro per l’Italia per due mesi fitti di repliche. La replica di Sorbolo è organizzata, in occasione del 70° Anniversario della Liberazione, dall’Assessorato alla Cultura e Assessorato alla Scuola del Comune di Sorbolo, Camera del Lavoro e SPI Cgil di Sorbolo e dalla locale Sezione ANPI. “OFFICINE LIBERTA' – l'Onda della Madonnina” è la storia dell'importanza di un lavoro e di come questo, se interrotto con uno sciopero per legittimi motivi, sia determinante nel cambiare la storia di un paese. Protagonisti sono un padre e una madre, il figlio, i nonni e quella generazione senza memoria perché “protetta dal dolore” di chi ha vissuto e ha scelto di non raccontare per non far soffrire.

“I figli non si proteggono dal dolore, i figli devono sapere” dice Attilio, 90 anni, al nipote e per farlo racconterà di quel mare che venne a Milano, nel marzo 1944, che cambiò la coscienza del popolo milanese, dandogli la consapevolezza che la disperazione non era solo fame, ma anche fame di libertà. L'onda della Madonnina è il grande sciopero dei tranvieri, incoraggiati dagli scioperi operai, che paralizzò la città, mostrando la forza di cui era capace il popolo. Ne seguì la più feroce rappresaglia, il più alto numero di arresti e deportazioni dall'occupazione tedesca, che non spense, tuttavia, ciò che il più grande sciopero avvenuto in Italia dall'ascesa del fascismo e la più imponente agitazione operaia nell'Europa occupata dai tedeschi avevano avviato: la via alla resistenza. L'Attilio, che ha vissuto quel marzo, sfoga al nipote quel ricordo, affinché sappia da dove nasce la libertà di un giovane di oggi, il cui dovere è quello di difenderla. La metafora del mare è la chiave per esprimere con efficace semplicità la portata di quei giorni: hai mai fermato un'onda? Non si può. Il mare a Milano è una favola per trasmettere ai ragazzi, attraverso la narrazione orale, musica e disegno dal vivo, che la Storia non è solo bella, ma che è stata scritta, nel coraggio e nella paura, dal popolo. “Quando penso a un progetto – dichiara Gianluca Foglia “Fogliazza” – non penso solo a farlo bene, ma soprattutto che sia capace di trasmettere pezzetti della nostra Storia alle nuove generazioni. Sono convinto che la storia non si insegna, ma si trasmette.

Questo vuol dire che mi pongo la domanda di quale sia il miglior modo per farmi capire e incuriosire da chi mi ascolta o chi mi legge. Perché raccontare ai ragazzi? Perché sono i nostri più importanti interlocutori. Perché se la storia va bene per loro va bene anche per gli adulti, perché i ragazzi sono la maggiore ricchezza sulla quale investire, perché avranno un futuro a patto che sopravvivano al modo in cui sapremo trasmettere loro la memoria, perché ci sono valori da trasmettere che possono evitare il rischio di un vuoto culturale che precede, sempre, qualunque altra crisi. Una sfida così importante non sarebbe stata possibile senza l’entusiasmo e il talento del gruppo ANPI sezione. ATM, che fin da subito mi ha riconosciuto tutta la fiducia per questa grande responsabilità e che non smetterò mai di ringraziare …” “Fogliazza” è Gianluca Foglia, nato a Parma nel 1971, città dove vive e lavora. Dopo tanti anni di fabbrica, oggi è autore e narratore teatrale, illustratore, fumettista, blogger, vignettista e autore satirico. Da anni impegnato nel Teatro Civile con progetti sulla memoria e in particolare sulla Resistenza, tra i quali ricordiamo nel 2008 “Memoria Indifferente – le Donne della Resistenza” narrazione a fumetti dedicata alle Donne Partigiane (oltre 120 repliche su gran parte del territorio nazionale), e nel 2012 “Ribelli come il Sole”, narrazione con musica e disegno dal vivo dedicata alle Barricate Antifasciste di Parma del 1922. E’ stato scelto per l’occasione dalla Sezione ANPI ATM di Milano, come l’autore ideale per raccontare, in particolare ai giovani, una pagina fondamentale della storia milanese e del nostro Paese, nello spettacolo “Officine Libertà - l’Onda della Madonnina”. “Officine Libertà – l’Onda della Madonnina” di e con Gianluca Foglia Fogliazza musiche originali Emanuele Cappa ingegnere del suono Stefano Melone disegno luci Francesco Pozzi consulenza storica Luigi Borgomaneri e Cristina Palmieri direttore di produzione Nicola Casalini per Sonoris Causa ed Elytra Edizioni Srl produzione esecutiva a cura dell’A.n.p.i. sezione ATM di Milano con il sostegno di ATM Azienda Trasporti Milanese Spa, Fondazione ATM, Società di Mutuo Soccorso “Cesare Pozzo” con il patrocinio del Comune di Milano. 

Sito Web dello spettacolo: www.officineliberta.blogspot.com

Curriculum Fogliazza: www.fogliazza.com

Info, contatti e distribuzione: www.sonoriscausa.it

Nicola Casalini, 342.3335756 - infosonoriscausa@gmail.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • Altri tre giganti sulla Strada del Melodramma di Busseto

    • 28 febbraio 2021
  • corso guide museo guatelli

    • Gratis
    • dal 9 marzo al 13 aprile 2021
    • Museo Guatelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento