rotate-mobile
Eventi

Dal 13 al 16 giugno torna a Langhirano il TorculariaBookFestival

Ecco il programma

Anche quest’anno torna l’atteso appuntamento con il TorculariaBookFestival. Festival della Conoscenza, in programma dal 13 al 16 giugno 2024. A ospitare la quarta edizione del Festival sarà un’altra location storica e suggestiva del territorio che circonda Torrechiara, Villa Pallavicino ad Arola, frazione di Langhirano. Edificata agli inizi del XVII secolo per volere dei marchesi di Ravarano Boscoli, la Villa è sempre stata oggetto di grande interesse, passando per diverse proprietà nobiliari. Rimasta chiusa per lungo tempo, oggi viene eccezionalmente aperta per fare da sfondo alle giornate di evento, come gentile concessione di Giampaolo Cagnin, attuale proprietario e sostenitore della cultura in tutte le sue forme..

All’interno dello splendido parco che abbraccia la Villa, prenderà vita l’ormai collaudata formula che caratterizza il Festival: Lectiones Magistrales, tenute da alcuni degli intellettuali di spicco del panorama culturale italiano, e Incontri con l’Autore con scrittori e giornalisti di fama nazionale e internazionale. Nato con l’obiettivo di promuovere la conoscenza e il libro, quale strumento d’eccellenza per la trasmissione del sapere, il Torcularia Book Festival vuole favorire la partecipazione attiva degli spettatori e la promozione di una “socializzazione della fruizione culturale” che, attraverso il dibattitto e il confronto diretto, mira a illuminare le diverse sfumature della realtà. Come per le scorse edizioni, la Direzione Artistica del Festival sarà affidata a Mariangela Guandalini e Eleonora Guandalini, da tempo impegnate nell’organizzazione di eventi culturali e nella promozione di autori.

"Ritorna anche quest'anno il Torcularia Book Festival, non più alla Badia di Torrechiara, ma in un posto altrettanto magico quale può essere il parco di Villa Pallavicini, un parco che invita all'ascolto di quanto verrà detto nel corso degli incontri. – spiega Mariangela Guandalini - Come sempre le tematiche saranno importanti e verrà rispettato, ancora una volta, quello che era Torrechiara all’epoca di Pier Maria Rossi, un luogo di divulgazione del sapere. I tempi che stiamo vivendo però, così tumultuosi e pericolosi, hanno fatto sì che lo sguardo si allargasse anche a problemi che riguardano la nostra vita e la nostra società attuale. Vito Mancuso ci parlerà di amore sacro e amore profano, analizzando dove ha origine amore e come agisce
la sua forza misteriosa che sempre attrae e rapisce. Piergiorgio Odifreddi terrà una lectio sulla grande storia della creatività per arrivare a dimostrare come la matematica pura sia l'unica arte davvero libera di esplorare mondi immaginari. A parlare di Gabriele D'Annunzio sarà Giordano Bruno Guerri, presidente del Vittoriale, che, con la precisione dello storico e la cultura del letterato, traccerà un ritratto del Vate che sfaterà miti e pregiudizi, conquistando, convincendo, spiegando. Toccherà a Lella Costa con acume e ironia, recitare un intenso monologo su Dante e le donne della sua vita, ricostruendo pensieri e visioni e dando la parola, infine, al primo amore puro e casto che diverrà terreno di fuga quando gli amori veri si faranno
dolorosi e difficili".

Vista la crisi esistenziale che attanaglia tanti giovani e li spinge spesso ad atti di violenza sconsiderata, si è pensato di accendere un focus su questa attuale e tremenda tematica, dando la parola a tre gradi personaggi che, in vario modo, hanno affrontato l'argomento. – aggiunge Eleonora Guandalini - Sarà Umberto Galimberti ad analizzare il fenomeno inquietante della violenza giovanile. Sul tema parlerà anche Vittorino Andreoli che da anni si occupa, da psichiatra e psicanalista, di problematiche giovanili. È lui che si chiede se ci sia ancora una ricetta per educare, ora che appare sconfitto l'autoritarismo e la scuola sembra avere abbandonato il suo ruolo pedagogico. E per finire, a dieci anni dall'uscita del suo libro, un vero best
seller, avremo ospite Michele Serra con una nuova edizione de" Gli Sdraiati", l'autoritratto di un padre che tenta di mettere a fuoco il volto di suo figlio, consapevole di non essere più il depositario indiscusso dell'autorità e quindi, come educatore, di vivere alla giornata".. 

Un weekend all’insegna della cultura ancora più lungo, durante il quale tre autori e quattro magistri incontreranno il pubblico spaziando tra attualità, filosofia, letteratura e matematica, analizzate e raccontate attraverso la loro personale esperienza e sensibilità. Tutti gli eventi saranno aperti al pubblico, con prenotazione obbligatoria. Acquisto dei biglietti e prenotazione su https://www.langhiranovalley.it/torcularia/

Il programma 

GIOVEDÌ 13 GIUGNO
Ore 21:00
Lectio – Umberto Galimberti - “L’illusione della libertà”
Descrizione: Analizza il fenomeno inquietante della violenza giovanile. Chi sconta di più oggi l’assenza di
futuro sono i giovani, contagiati da una progressiva e sempre più profonda insicurezza. Essi rischiano di vivere
parcheggiati nella terra di nessuno, dove la famiglia e la scuola latitano, dove il tempo è vuoto e non esiste
più un noi motivazionale. Ed ecco i riti della crudeltà o delle violenze negli stadi, le corse in moto e...
C’è una via d’uscita?

VENERDÌ 14 GIUGNO
Ore 18:00
Incontro con Giordano Bruno Guerri - “La vita come opera d’arte. Gabriele D’Annunzio”
Descrizione: Un avvincente quanto inusuale racconto dell’esistenza del poeta fatto dal Presidente del
Vittoriale, attraverso un apparato di aneddoti che riescono a tratteggiare con la precisione dello storico e la
cultura dell’autore, un ritratto sentimentale del Vate, che conquista, convince, spiega. D’Annunzio giovane
studente ribelle, poeta, romanziere, libertino, amante, padre, soldato, guerriero, rivoluzionario, politico,
influencer ante litteram in una Italia, una Europa di un secolo fa, col segreto proposito di liberare D’Annunzio
da pregiudizi che sembravano inestirpabili.
Ore 21:00
Lectio – Piergiorgio Odifreddi - “A piccole dosi contro la crisi di astinenza dalla matematica”
Descrizione: Una grande storia della creatività, da Pitagora ad Omero sino a Escher, Nabocov e B.Russel.
L’espressione massima della libertà del pensiero, una esplorazione dei limiti della religione. Matematica pura,
la più affascinante, l’unica davvero libera di esplorare mondi immaginari. Una materia che può aspirare a
definirsi la creazione più originale dello spirito umano.
SABATO 15 GIUGNO
Ore 18:00
Incontro con Michele Serra – “Gli sdraiati 10 anni dopo”
Descrizione: Il messaggio in bottiglia di un padre al proprio figlio adolescente, un appello divertente,
esasperato e smarrito, l’autoritratto di un padre che è il vero protagonista, che tenta di mettere a fuoco il

volto di suo figlio, consapevole di non essere più il depositario indiscusso dell’autorità, e quindi come
educatore, di navigare a vista; un genitore che intuisce lo sfaldarsi dei vecchi punti fermi nei rapporti tra le
generazioni, che vede dileguato il principio dell’autorità, ma non rinuncia a cercare un punto di incontro.
Ore 21:00
Lectio – Vito Mancuso - “Amor sacro e amor profano”
Descrizione: Dove ha origine amore e come agisce la sua forza misteriosa che sempre attrae e rapisce? Come
possiamo viverlo nel modo più vero? E qual è il messaggio che esso porta con sé?
Domande fondamentali cui rispondere con profonda intensità, accogliendo tra le pagine la dolcezza e la
potenza di una straordinaria avventura umana affrontata nelle sue forme più diverse, rimanendo fedeli al
primato della coscienza e della libertà individuale e facendo diventare l’amore il punto di vista privilegiato per
guardare a tutta l’esistenza.

DOMENICA 16 GIUGNO
Ore 18:00
Incontro con Vittorino Andreoli – “L’educazione (im)possibile orientarsi in una società senza padri”
Descrizione: Esiste ancora una ricetta per educare? L’anti autoritarismo è stato sconfitto? La scuola ha
abbandonato il suo ruolo pedagogico? Vittorino Andreoli, da sempre attento al disagio psicologico degli
adolescenti, afferma che il fallimento educativo è un malessere profondo che riguarda tutti, genitori e no e
che può essere risolto solo con uno sforzo comune, facendo in modo che troppe figure di riferimento,
necessarie in una società come la nostra per molte ragioni, non creino un disaccordo educativo che può essere
la vera causa della inquietudine e disobbedienza. Che fare?
Ore 21:00
Lectio – Lella Costa- “Intelletto d’amore”
Descrizione: Beatrice, Francesca, Gemma e Taide, donne diversissime che hanno in comune un uomo, Dante
Alighieri. Storie diverse tra loro, due Dante le ebbe accanto in vita, Beatrice e Gemma, la musa e la moglie,
due le cantò nella Divina Commedia, l’amante e la cortigiana. Con tanta ironia e tanto acume, Lella Costa le
chiama a raccontarci la loro vicenda, ricostruendo pensieri e visioni e così il ricordo del primo amore, puro e
casto, diventa terreno di fuga quando gli amori veri diventano dolorosi e difficili.

Il costo per la partecipazione alle Lectiones Magistrales è di € 10 a persona per ogni appuntamento; il costo per la partecipazione degli Incontri con l’Autore è di € 5 a persona per ogni appuntamento. Il Torcularia Book Festival è promosso dal Comune di Langhirano, in collaborazione con l’Associazione Compagnia del Festival.

Partner del progetto: Conad Centro Nord (https://chisiamo.conad.it/), Terre Ducali (https://www.terreducali.it/) , Fratelli Galloni (https://galloniprosciutto.it/), Synergetic (https://www.synergetic-italy.it/ )
Partner tecnico: Locanda del Borgo (https://lalocandaditorrechiara.it/)

Per tutti gli aggiornamenti è possibile consultare la Pagina FB @TorculariaBookFestival.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 13 al 16 giugno torna a Langhirano il TorculariaBookFestival

ParmaToday è in caricamento