“Dal barocco allo stile galante” alla casa della musica. martedì 15 dicembre il terzo incontro di “musica e parole”, con gustavo marchesi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Terzo incontro del programma di “Musica e parole alla Casa della Musica” - la nuova iniziativa di divulgazione musicale che si sta svolgendo alla Casa della Musica e realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma e dalla Casa della Musica con il contributo di Intesa Sanpaolo - quello fissato per le ore 17 di martedì 15 dicembre presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica, a ingresso gratuito: a condurlo sarà ancora Gustavo Marchesi, che guiderà la conferenza intorno a un tema particolarmente ricco di suggestioni, “Dal Barocco allo Stile galante”.

«Che gli strumenti musicali riescano a dialogare fra loro, appare come una delle animazioni più riuscite anche per una fervida fantasia. Che poi i dialoghi abbiano possibilità di aumentare in ampiezza e varietà, è una sorpresa che vorremmo non si esaurisse mai. Di cosa parla questa famiglia degli archi, gli argomenti dei loro colloqui? A differenza dell'opera e della musica cantata, mancando la parola, gli argomenti non sono spiegati, nessuna didascalia potrebbe definirli. Eppure essi alludono a discorsi non detti, a sensazioni, a gioie e dolori che ogni uomo ha provato e proverà. Propongono un interesse senza svelarne il soggetto, un gioco a indovinelli, scaltrissimo, che allena la nostra mente e il nostro cuore e a cercare nel segreto delle cose il segreto di noi stessi».

Quest’incontro, secondo l’originale formula di questa rassegna, sarà di preparazione al concerto che, con lo stesso titolo, si terrà poi, sempre a ingresso gratuito e sempre presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica e protagonista la Camerata Ducale di Parma, alle ore 21 di martedì 22 dicembre.

Per ogni ulteriore informazione, tel. 0521 031170, www.lacasadellamusica.it.

Torna su
ParmaToday è in caricamento