menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Erri De Luca al ParmaPoesia Festival: domani in piazza Shakespeare

In scena le pagine del romanziere-poeta che ha la voce di Napoli, che ha raccontato delle migrazioni e delle guerre, di quell'Iliade contemporanea e crudele dei migranti d'Africa, della sua passione per il Libro

Chitarra e libri a portata di mano. Come una chiacchierata tra amici con la musica zitta, zitta, che nasce a fior di labbra. Le parole che vivono sottopelle saranno regalate a Parma per il primo spettacolo della nuova Piazza Shakespeare (dietro Teatro Due, ingresso da via Goito) dallo “scrittore del decennio” (come l’ha definito di recente Giorgio De Rienzo) Erri De Luca, con un appuntamento dal titolo "La parola indelebile. Poesia finita sottopelle".

Giovedì 9 giugno alle 21, nell’ambito dell'articolato programma del ParmaPoesia Festival, sarà la voce di Erri De Luca la prima ad essere ascoltata dalle gradinate del nuovo anfiteatro. In scena le pagine del romanziere-poeta che ha la voce di Napoli, che ha raccontato delle migrazioni e delle guerre, di quell’Iliade contemporanea e crudele dei migranti d’Africa, della sua passione per il Libro, la Bibbia e le sue lingue fatte a consonanti e dell’abbraccio alle montagne nelle sue molte arrampicate.

Pagine che muovono poesia e prosa in immediati dintorni ed escono dalla pelle incrostata di “parole indelebili” appiccicate piano piano, a partire dai quartieri partenopei del dopoguerra, poi nei tumulti romani della fine del Novecento, nella militanza politica, nel lavoro da manovale e in Fiat, nella scrittura all’alba su quaderni a righe e dalla “poesia, che più di tutto, rimane sottopelle”. I versi sono per De Luca una geometria personale di tatuaggi, scrittura di sentimenti. Si mostreranno in una geometria inedita nella serata di Parma. Una geometria mossa tra parole e musica e come dice lui : “Geometria è l’uguale che fa unire i punti tra gli occhi della persona amata, tracciare una linea che parte dai suoi occhi e va in alto verso un quadro di montagne e in basso verso un gatto che dorme”. La partecipazione è libera e gratuita, fino a esaurimento posti. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà presso la sala grande di Teatro Due (ingresso da viale Basetti).

LO SPETTACOLO SI TERRA' ALL'INTERNO DEL TEATRO DUE CAUSA MALTEMPO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento