menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa di San Giuseppe: musica, profumi e colori in Oltretorrente

Pareri contrastanti sulla decisione di decentralizzare il luna park in strada dei Mercati. Secondo alcuni commercianti è una decisione indicativa della mancata volontà di ottimizzazione delle risorse

Bancarelle, bar e negozi aperti popolano l'appuntamento annuale della tradizionale festa di San Giuseppe nell'Oltretorrente. L'iniziativa, promossa da Ascom ParmaViva, è organizzata da Edicta, con il patrocinio del Comune di Parma. Numerose le attività aperte eccezionalmente per tutta la giornata, da via D'azeglio, snodandosi su Strada Imbriani, via Inzani, Piazzale Inzani, Piazzale Picelli, Piazzale Corridoni e via Bixio. Musica e dj set prendono forma in via D'Azeglio con Dj Joel e Dj Noname e in Piazzale Bertozzi con Francesco Palmieri. Concerti in Piazzale San Giacomo, con l'esibizione dei Mood Noir, e in Via Imbriani con il pianista Antonio De Vanna e la cantante Antonella Mastrangelo.
Svariate iniziative per i più piccoli, dalla fattoria degli animali in Piazzale Inzani ai laboratori creativi e a un'installazione cinematografica itinerante in Piazzale Picelli. Artigiani esibiscono per tutta la giornata le loro creazioni tra acquarelli e ceramiche in via D'azeglio, mentre artisti di strada creano opere d'arte sull'asfalto. Esposti in via D'Azeglio gli scorci ritratti negli scatti di Parma Fotografica.
GUARDA LA FOTOGALLERY DELLA FESTA


Forte la presenza di associazioni onlus, Avis, Aido, Comunità Sant'Egidio. "Ciò che più conta è arrivare a una presa di coscienza dei problemi in atto oggi, di quanti soffrono e non ricevono alcun tipo di assistenza medica, in quanto spesso privi di diritti", sottolineano i volontari di Emergency.
Dai commenti di alcuni commercianti emerge la difficoltà di trovare costantemente modalità nuove per attrarre la clientela. "La gente, in queste occasioni, va alla ricerca degli stock a 5 euro. Per noi che proponiamo bigiotteria e abbigliamento etnici non è facile, soprattutto in un periodo in cui in tanti devono stringere la cinghia", afferma la gestrice di una bancarella di Via D'Azeglio.
Tanti i banchi gastronomici provenienti da varie regioni italiane. "Il segreto è puntare sulla qualità – afferma un ambulante di prodotti tipici sardi –, la gente apprezza i miei prodotti e vendo bene ovunque". Emergono pareri contrastanti in merito alla decisione della Giunta comunale di decentralizzare il parco giochi itinerante, collocandolo nella zona dell'ex Mercato del bestiame, in via dei Mercati. Secondo alcuni commercianti si tratterebbe di una decisione indicativa di una mancata volontà di ottimizzazione delle risorse. Positiva, secondo altri, la possibilità di dare una nuova veste a una zona carente come quella di via dei Mercati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Covid: scendono i casi, salgono i morti

  • Cronaca

    Oggi il Dpcm: le scuole a Parma verranno chiuse?

  • Attualità

    Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento