Festival Gandolfi

Parma, 24 agosto 2016- E’ stato presentato questa mattina presso il Parma Point, il “Progetto Favorita del Re in Villa Gandolfi”, che si aprirà con un festival dedicato alla memoria del grande Maestro del coro e direttore d’orchestra Romano Gandolfi, articolato in tre appuntamenti che si svolgeranno dal 28 agosto al 2 settembre nel Parco della villa appartenuta al maestro a Medesano, in provincia di Parma.

Il sipario sull’iniziativa, promossa dall’Associazione Favorita del Re-Centro Studi Romano Gandolfi, in collaborazione con il Comune di Medesano, si alzerà domenica 28 agosto con la Messa da Requiem di Verdi. Protagonista, tra gli altri, il grande basso Michele Pertusi. Con lui, ad interpretare il capolavoro verdiano ci saranno il soprano Roberta Pozzer, il mezzosoprano Elena Cassian e il tenore Angelo Villari. Sul podio il maestro Sebastiano Rolli sarà alla guida del Grande Coro di Parma e dell’Orchestra dell’Opera Italiana.

Seguirà il primo settembre lo spettacolo Traviata della Compagnia Artemis Danza per undici danzatori e coreografia di Monica Casadei. La rassegna, che si svolge con il Patrocinio del Ministero dei Beni e attività culturali, si chiuderà venerdì 2 settembre con la Jazz Art Orchestra diretta da Carlo Gelmini, con il concerto intitolato “Tribute to Romano” che vedrà impegnata tutta la Big Band in brani conosciutissimi del repertorio swing, da Duke Ellington a Kurt Weill, da Diane Schuure a Frank Sinatra.

GLI ORGANIZZATORI E IL DIRETTORE D’ORCHESTRA

<<La scelta del Parco della Villa come location è stata fatta opportunamente per creare un forte legame emozionale tra gli spettatori e Gandolfi, portandoli nei luoghi che furono del Maestro. –ha detto il Sindaco di Medesano Riccardo Ghidini- Crediamo che la rinascita della nostra città possa ripartire anche dalla Cultura, e per questo noi amministratori di Medesano vogliamo dare il nostro contributo importante per far conoscere Parma e la sua terra oltre i propri confini.>>

<<Faccio mie le parole del Maestro Gandolfi, rilasciate nel 1998, in occasione della registrazione di Messa da Requiem nel teatro Verdi di Busseto- ha spiegato Paolo Zaccarini, Presidente dell’Associazione Favorita del Re- "Credo che questo Requiem possa avere il suo spazio, perché noi pensiamo che per la sua genuinità, per l'entusiasmo di tutti gli artisti, possa essere un po' speciale. E' tutto un prodotto locale, è tutto nostro". – Poi Zaccarini ha aggiunto- Con esso inauguriamo il Progetto Favorita del Re in Villa Gandolfi, recuperata grazie alla famiglia Ceci, per proseguire nell'immediato, nell'ambito del Decennale iniziato nel febbraio scorso, con Traviata di Artemis Danza e Concerto Jazz, ma che proseguirà per il futuro continuando a svilupparsi nell'ottica di fede e cultura, al servizio della Persona e del territorio, nel solco tracciato dal grande musicista concittadino.

Tra i relatori anche il direttore d’orchestra Sebastiano Rolli che ha voluto ricordare la figura artistica di Gandolfi.

<<Gandolfi è stato uno degli interpreti più profondi e sensibili del Requiem. Ne ha carpito come pochi la dimensione poetica e spirituale. ll Requiem è un grido interrogativo dell’uomo rivolto a Dio. Verdi nel suo pessimismo non si rassegnava al mistero della morte e assume lo stesso atteggiamento di Giobbe, nel senso che l’uomo arriva ad accusare il creatore dell’iniquità che lo circonda, che pervade l’esistenza.- ha spiegato il giovane direttore d’orchestra- La Messa verdiana è una partitura altamente teatrale ma che si poggia su una solida struttura contrappuntistica tipica della musica sacra. Sono felice di dirigere questo grande coro. Dieci anni fa il coro Tebaldi è nato da una costola della Corale Verdi e in questi anni non vi sono state occasioni di collaborazione. Ora in nome di Gandolfi le due compagini corali tornano a lavorare insieme. Ho conosciuto Gandolfi, che è stato amico di mio padre e sono cresciuto abbeverandomi a quel magistero nell’atteggiamento interpretativo. E’ stato e sarà un faro assoluto.>>

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Mike Highsnob al Campus Industry

    • dal 6 ottobre 2018 al 6 ottobre 2019
    • Campus Industry

I più visti

  • Parma Music Park, l'estate al massimo: Marlene Kuntz, Massimo Pericolo, Carl Brave e tanti altri

    • dal 24 maggio al 30 agosto 2019
    • Parma Music Park
  • Aperistreet in vigna

    • Gratis
    • dal 6 giugno al 12 settembre 2019
    • Monte delle Vigne
  • Dal 10 marzo a ottobre 2019, 4 esclusivi appuntamenti con degustazione sensoriale per scoprire il Museo del Culatello e del Masalén di Polesine Parmense

    • dal 10 marzo al 31 ottobre 2019
    • Location varie
  • Mike Highsnob al Campus Industry

    • dal 6 ottobre 2018 al 6 ottobre 2019
    • Campus Industry
Torna su
ParmaToday è in caricamento