Teatro al Parco, il 1° marzo Giuliana Musso con 'La fabbrica dei preti'

Al Teatro al Parco in scena il 1° marzo "La fabbrica dei preti". L’attrice e drammaturga friulana racconta la formazione dei sacerdoti prima del Concilio attraverso la voce di tre preti. L’esplorazione di un mondo a sé che getta luce sull’intera società italiana. Dopo lo spettacolo l’attrice e drammaturga incontra don Giuseppe Stoppiglia e don Gaetano Farinelli, fondatori di Macondo, associazione per l’incontro e la comunicazione tra i popoli.
 
"Fermiamoci a pregare per tanta manovalanza sacrificata e rovinata in tutti questi anni e secoli". Così Don Bellina, prete e scrittore friulano di grande umanità e intelligenza, parla dei giovani preti formati nei seminari prima del Concilio, al centro di un suo libro, "La fabbrica dei preti",  che ora Giuliana Musso, attrice-narratrice di rango del nuovo teatro, riscrive e porta in scena nella stagione del Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti (1° marzo, ore 21.15, biglietti 13/11 Euro in vendita alla libreria Feltrinelli di Strada Farini, nella sede dello spettacolo e sul sito www.solaresdellearti.it/teatrodellebriciole, tel 0521 989430). Dopo lo spettacolo Giuliana Musso incontra don Giuseppe Stoppiglia e don Gaetano Farinelli, fondatori di Macondo, associazione per l’incontro e la comunicazione tra i popoli.

Osservatrice e analista profonda della società italiana, la Musso racconta i seminari degli anni ’50 e ’60, che hanno formato una generazione di preti ordinati negli anni in cui si chiudeva il Concilio Vaticano II e si apriva l’era delle speranze post-conciliari. Una generazione che fa il bilancio di una vita. Una vita da preti che ha attraversato la storia contemporanea e sta assistendo al crollo dello stesso mondo che li ha generati.
"La dimensione umana dei sacerdoti è un piccolo tabù della nostra società sul quale vale la pena di alzare il velo", racconta la Musso, "non per alimentare morbose curiosità ma per rimettere l’essere umano e i suoi bisogni al centro o, meglio, al di sopra di ogni norma e ogni dottrina.  I seminari di qualche decennio fa hanno operato per dissociare il mondo affettivo dei piccoli futuri preti dalla loro dimensione spirituale e devozionale. Molti di quei piccoli preti hanno trascorso la vita cercando coraggiosamente uno spazio in cui ciò che era stato separato e represso durante la loro formazione si potesse riunire e liberare.  A questi preti innamorati della vita ci piacerebbe dare voce e ritrovare insieme a loro la nostra stessa battaglia per “tenere insieme i pezzi”".
 
"La fabbrica dei preti"  intreccia tre diverse forme di racconto: un reportage della vita nei seminari declamato dal “pulpito” (ispirato al racconto di Don Bellina), la proiezione di tre album fotografici e la testimonianza vibrante di tre personaggi (un timido ex-prete, un ironico prete anticlericale ed un prete poeta\operaio). In apertura un prologo che ci ricorda cosa è stato il Concilio Vaticano II (1962-1965). I tre personaggi interpretati da Giuliana sono uomini anziani che si raccontano con franchezza: la giovinezza in un seminario, i tabù, le regole, le gerarchie, e poi l’impatto col mondo e col mondo delle donne, le frustrazioni ma anche la ricerca e la scoperta di una personale forma di felicità umana. Lo sfondo di ogni racconto è quella stessa cultura cattolica che ha generato il nostro senso etico e morale e con esso anche tutte le contraddizioni e le rigidità che avvertiamo nei nostri atteggiamenti, nei modelli di ruolo e di genere, nei comportamenti affettivi e sessuali. Lo spettacolo, mentre racconta la storia di questi ex-ragazzi, ex-seminaristi, ci racconta di noi, delle nostre buffe ipocrisie, paure, fragilità… e della bellezza dell’essere umano. E così mentre ridiamo di loro, ridiamo di noi stessi e mentre ci commuoviamo per le loro solitudini possiamo, forse, consolare le nostre.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • La musica che fa la storia: inizia la stagione al Campus Industry

    • dal 27 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Campus Industry Music
  • 'Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977': al via la mostra alla Magnani Rocca

    • dal 7 settembre al 8 dicembre 2019
    • Fondazione Magnani Rocca
  • Ecco il Barezzi Festival, da Echo & The Bunnymen a Vasco Brondi e Cristiano Godano: il programma

    • dal 15 al 17 novembre 2019
    • Teatro Regio, Auditorium Paganini
  • naked woman di roberto petrolini

    • Gratis
    • dal 9 al 28 novembre 2019
    • Chaos Art Gallery
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento