Teatro al Parco, il 1° marzo Giuliana Musso con 'La fabbrica dei preti'

Al Teatro al Parco in scena il 1° marzo "La fabbrica dei preti". L’attrice e drammaturga friulana racconta la formazione dei sacerdoti prima del Concilio attraverso la voce di tre preti. L’esplorazione di un mondo a sé che getta luce sull’intera società italiana. Dopo lo spettacolo l’attrice e drammaturga incontra don Giuseppe Stoppiglia e don Gaetano Farinelli, fondatori di Macondo, associazione per l’incontro e la comunicazione tra i popoli.
 
"Fermiamoci a pregare per tanta manovalanza sacrificata e rovinata in tutti questi anni e secoli". Così Don Bellina, prete e scrittore friulano di grande umanità e intelligenza, parla dei giovani preti formati nei seminari prima del Concilio, al centro di un suo libro, "La fabbrica dei preti",  che ora Giuliana Musso, attrice-narratrice di rango del nuovo teatro, riscrive e porta in scena nella stagione del Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti (1° marzo, ore 21.15, biglietti 13/11 Euro in vendita alla libreria Feltrinelli di Strada Farini, nella sede dello spettacolo e sul sito www.solaresdellearti.it/teatrodellebriciole, tel 0521 989430). Dopo lo spettacolo Giuliana Musso incontra don Giuseppe Stoppiglia e don Gaetano Farinelli, fondatori di Macondo, associazione per l’incontro e la comunicazione tra i popoli.

Osservatrice e analista profonda della società italiana, la Musso racconta i seminari degli anni ’50 e ’60, che hanno formato una generazione di preti ordinati negli anni in cui si chiudeva il Concilio Vaticano II e si apriva l’era delle speranze post-conciliari. Una generazione che fa il bilancio di una vita. Una vita da preti che ha attraversato la storia contemporanea e sta assistendo al crollo dello stesso mondo che li ha generati.
"La dimensione umana dei sacerdoti è un piccolo tabù della nostra società sul quale vale la pena di alzare il velo", racconta la Musso, "non per alimentare morbose curiosità ma per rimettere l’essere umano e i suoi bisogni al centro o, meglio, al di sopra di ogni norma e ogni dottrina.  I seminari di qualche decennio fa hanno operato per dissociare il mondo affettivo dei piccoli futuri preti dalla loro dimensione spirituale e devozionale. Molti di quei piccoli preti hanno trascorso la vita cercando coraggiosamente uno spazio in cui ciò che era stato separato e represso durante la loro formazione si potesse riunire e liberare.  A questi preti innamorati della vita ci piacerebbe dare voce e ritrovare insieme a loro la nostra stessa battaglia per “tenere insieme i pezzi”".
 
"La fabbrica dei preti"  intreccia tre diverse forme di racconto: un reportage della vita nei seminari declamato dal “pulpito” (ispirato al racconto di Don Bellina), la proiezione di tre album fotografici e la testimonianza vibrante di tre personaggi (un timido ex-prete, un ironico prete anticlericale ed un prete poeta\operaio). In apertura un prologo che ci ricorda cosa è stato il Concilio Vaticano II (1962-1965). I tre personaggi interpretati da Giuliana sono uomini anziani che si raccontano con franchezza: la giovinezza in un seminario, i tabù, le regole, le gerarchie, e poi l’impatto col mondo e col mondo delle donne, le frustrazioni ma anche la ricerca e la scoperta di una personale forma di felicità umana. Lo sfondo di ogni racconto è quella stessa cultura cattolica che ha generato il nostro senso etico e morale e con esso anche tutte le contraddizioni e le rigidità che avvertiamo nei nostri atteggiamenti, nei modelli di ruolo e di genere, nei comportamenti affettivi e sessuali. Lo spettacolo, mentre racconta la storia di questi ex-ragazzi, ex-seminaristi, ci racconta di noi, delle nostre buffe ipocrisie, paure, fragilità… e della bellezza dell’essere umano. E così mentre ridiamo di loro, ridiamo di noi stessi e mentre ci commuoviamo per le loro solitudini possiamo, forse, consolare le nostre.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma 2020 in 48 ore: un itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura

    • dal 15 gennaio al 30 settembre 2020
    • Location varie
  • Settembre Gastronomico: la cultura del cibo invade Parma

    • dal 30 agosto al 27 settembre 2020
    • Location varie
  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • Florilegium di Rebecca Louise Law a Parma2020 per Pharmacopea

    • Gratis
    • dal 29 febbraio al 19 dicembre 2020
    • Antica Farmacia S. Filippo Neri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ParmaToday è in caricamento