Il nuovo volto di Mercanteinfiera

Design, arte contemporanea, fotografia: il nuovo volto di Mercanteinfiera coniuga passato e modernità, seguendo il filo conduttore dei diversi linguaggi espressivi. L'edizione primaverile della prestigiosa kermesse internazionale, dedicata all'antiquariato, al modernariato ed al più raffinato collezionismo vintage, che prenderà il via il prossimo 27 febbraio alle Fiere di Parma, dove resterà aperta fino al 6 marzo, sarà arricchita infatti da una serie di appuntamenti collaterali che guardano al contemporaneo mettendo in vetrina le opere di artisti di fama mondiale: da Nan Goldin a Pistoletto, da Vico Magistretti a Ulrich Tillmann, Maurizio Galimberti e Mario Sironi.

Una vera e propria “concentrazione di forme d'arte”, distribuita nei 45.000 metri quadrati di superficie espositiva che trova riscontro tanto nei pezzi di antiquariato (troumeau, porcellane, ebanisteria settecentesca), negli arredi, nei gioielli e negli oggetti vintage, autentici conversation pieces. 1.000 gli espositori presenti, a beneficio delle centinaia di buyer provenienti da Stati Uniti, Turchia, Francia, Germania, ma anche Danimarca, Norvegia, Russia e Argentina. Un richiamo giunto in questa edizione  fino al Texas.

Forme d'arte esaltate in questa edizione dalle due mostre collaterali in programma: “Sole o accompagnate? L'opera fotografica come opera singola e come serie”è il titolo del percorso, realizzato grazie alla prestigiosa collaborazione di Fabio Castelli, ideatore di MIA Photo Fair (29 Aprile – 2 Maggio).

“Il mio intento - afferma Fabio Castelli - è quello di offrire al pubblico di “Mercanteinfiera” uno sguardo diverso sulla fotografia al fine di sensibilizzarlo su questo mezzo espressivo. La mostra  infatti vuole sottolineare la differenza tra la fruizione di un’immagine autoriale singola e la serie di cui fa parte in quanto rappresentativa di un progetto complesso. In tal senso intende anche offrire uno stimolo: quello della “fotografia anonima”, cioè immagini di cui non si conosce l’autore ma alle quali può essere attribuito dall’acquirente un valore e un significato diverso da quello originale. Un mercato ancora inesplorato in Italia, ma che all’estero presenta già nuove forme, tendenze e prospettive”.

Protagonisti assoluti della mostra, gli scatti della statunitense Nan Goldin, classe 1953, nota per una fotografia utilizzata come un “diario in pubblico” e del tedescoUlrich Tillmann. Nel complesso, 13 gli artisti in mostra (Sergio Scabar, Luigi Veronesi, Franco Fontana, Antonio Biasiucci, Vittore Fossati, Leonardo Genovese, Lynne Lawner, Rita Lintz, Marcello Mariana, Cosimo di Leo Ricatto e Sara Rossi).Tutte le opere provengono dalla collezione privata di Fabio Castelli.

Il secondo appuntamento collaterale di Mercanteinfiera è  “Parma 360 on view” che, attraverso una serie di immagini, video e performance, anticiperà i temi portanti del Festival sull'arte creativa, in programma a Parma dal 2 aprile al 15 maggio, accogliendo negli spazi del polo fieristico le opere di artisti del calibro di Michelangelo Pistoletto, Vico Magistretti, Enrico Robusti, Paolo Ceribelli il visual artist C999 e Maurizio Galimberti. “Parma 360 on view” è realizzata in collaborazione con Federica Bianconi, Chiara Canali, Simona Manfredi e Camilla Mineo.

“Per la nostra rassegna di arte, che fino allo scorso anno aveva abbracciato con successo il terreno delle sperimentazioni, il 2016 sarà l'anno del cambiamento –afferma Ilaria Dazzi, Brand Manager di Mercanteinfiera -. Per Fiere di Parma aprirsi ai nuovi linguaggi non è frutto di una suggestione momentanea, bensì una strategia finalizzata a riposizionare Mercanteinfiera sulle scene internazionali, valorizzandone contenuti di antichità e modernità”.

Significativa, in tal senso anche la scelta di ospitare, a cinquantacinque anni dalla morte, una mostra dedicata a Mario Sironi, pittore simbolo del Novecento italiano. Una novantina le opere tra le quali “Il Mito”, il grande affresco realizzato dall'artista di origini sarde tra il 1936 ed il 1937, che proprio a Mercanteinfiera sarà presentato al pubblico, per la prima volta, nella sua versione restaurata. L’esposizione è curata da Estemio Serri e Alan Serri per Edizioni Cinquantasei Bologna e Galleria d'arte Cinquantasei, che sarà allestita all'interno della sezione “ArtParma Fair”. 

I visitatori di Mercanteinfiera, presentando il biglietto di ingresso avranno accesso, ad  un prezzo agevolato, all’Archivio-Museo CSAC (www.csacparma.it). Per i termini della promozione https://mercanteinfiera.it/area-stampa/comunicati-stampa/.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Fiere, potrebbe interessarti

I più visti

  • La musica che fa la storia: inizia la stagione al Campus Industry

    • dal 27 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Campus Industry Music
  • 'Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977': al via la mostra alla Magnani Rocca

    • dal 7 settembre al 8 dicembre 2019
    • Fondazione Magnani Rocca
  • Ecco il Barezzi Festival, da Echo & The Bunnymen a Vasco Brondi e Cristiano Godano: il programma

    • da domani
    • dal 15 al 17 novembre 2019
    • Teatro Regio, Auditorium Paganini
  • naked woman di roberto petrolini

    • Gratis
    • dal 9 al 28 novembre 2019
    • Chaos Art Gallery
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento