menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Prosciutto di Parma in missione a Toronto

In occasione della prossima entrata in vigore dell’accordo di libero scambio – CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) – tra Unione Europea e il Canada, il Prosciutto di Parma parteciperà alla missione di alto livello condotta da Phil Hogan, Commissario europeo per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, che si recherà a Toronto dal 1 al 4 maggio. La delegazione, composta da circa 60 realtà produttive europee dell’agroalimentare in rappresentanza di diverse categorie merceologiche, vuole contribuire ad assicurare che Unione Europea e Canada stiano compiendo i dovuti progressi verso l’applicazione dell’accordo, ma sarà anche l’occasione per facilitare le relazioni tra le due comunità di affari nel settore agroalimentare attraverso seminari, incontri con le autorità locali e momenti di confronto sulle opportunità e le sfide che tale accordo porterà a entrambe.

Una tappa importante della visita sarà l’inaugurazione della fiera agroalimentare SIAL Canada 2017. Il Prosciutto di Parma, nello specifico, sarà presente per la prima volta alla manifestazione e avrà una propria area espositiva.

Siamo orgogliosi di partecipare a questa prestigiosa missione e rappresentare un modello tra i prodotti a indicazione geografica. Crediamo infatti che la condivisione di conoscenze ed esperienze sia l’approccio giusto per instaurare relazioni concrete e durature.

La nostra presenza al SIAL di Toronto è già un primo segnale sui benefici che tale accordo avrà per il Prosciutto di Parma: in primis l’utilizzo legittimo della denominazione «Prosciutto di Parma» e finalmente la possibilità di investire sulla nostra marca per sviluppare le esportazioni. Stefano Fanti, direttore del Consorzio del Prosciutto di Parma.

Il sistema europeo dei prodotti a Indicazione Geografica rappresenta senza dubbio una storia di successo per i produttori, i consumatori e per lo sviluppo rurale. Le Indicazioni Geografiche creano posti di lavoro altamente qualificati nelle comunità rurali e promuovono in tutto il mondo l'impegno dell’Unione Europea per i cibi di qualità e legati alla tradizione. Garantire la massima protezione possibile per le Indicazioni Geografiche europee - come il Prosciutto di Parma - negli accordi commerciali come CETA con i nostri partner globali significa per i produttori mantenere un vantaggio competitivo e avere la possibilità di aumentare con sicurezza le esportazioni.

Il CETA è l'accordo più ambizioso che l'Unione europea abbia mai concluso e le nostre produzioni agroalimentari saranno uno dei principali protagonisti di questo accordo e ne beneficeranno. Le nostre Indicazioni Geografiche hanno contribuito a rendere l'Europa il luogo che racchiude i migliori prodotti alimentari nel mondo e credo che la popolazione globale in continua crescita sia ansiosa di acquistare i nostri prodotti, realizzati secondo i più alti standard di sicurezza e di qualità del mondo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Bonaccini: "La scelta di riaprire è ponderata e non è un libera tutti"

  • Cronaca

    Precipita con il paracadute: muore un 60enne parmigiano

  • Sport

    Il Parma perde, condannato da Cerri: Serie B a un passo

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento