Iniziata la raccolta fondi per il docufilm "màt sicuri - l'ultimo diogene", storia del noto clochard filosofo di parma

  • Dove
    Produzioni dal Basso
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 08/10/2018 al 02/12/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    10, 20, 30, 50
  • Altre Informazioni
    Sito web
    matsicuri.it

Inizia la raccolta fondi per sostenere il docufilm “Màt Sicuri - L’ultimo Diogene”, girato a Parma nelle ultime settimane. Il crowdfunding viene lanciato sia sulla piattaforma di cinema Produzioni dal Basso (https://www.produzionidalbasso.com/project/mat-sicuri-l-ultimo-diogene/), sia sul sito ufficiale www.matsicuri.it, dove si può vedere il trailer.
Nel trentennale della morte, Enzo “Màt” Sicuri (1907-1988) rivive ora in questo progetto di docufilm che vuole essere una riflessione sulla società attuale e prende le mosse dall’audio inedito ed esclusivo dell’unica intervista concessa nella sua vita, al giornalista e scrittore Tiziano Marcheselli attraverso l’amica dei “nonnini” Giovanna Lanati.

Matto o filosofo? Sicuri, parmigiano doc, era un senzatetto per scelta, nella sua città. Tutti, o quasi, lo chiamavano “Màt”, fondamentalmente con affetto. Lui, però, era una persona piena di interessi: adorava i libri e la musica lirica. Non aveva una casa, ma passava le sue giornate nel salotto della città, tra il Teatro Regio e piazza Duomo. Fautore, per così dire, di una raccolta differenziata ante litteram (riciclava cartoni che usava a mo’ di coperte), viveva con e per la natura, aveva come guida la libertà e di fatto rifiutava tutte le imposizioni del consumismo. Il suo motto era “Nella vita si può fare a meno di tutto, tranne che dell’aria per respirare” e a quel motto è rimasto fedele fino al suo ultimo giorno. Una coerenza che la sua città ha voluto premiare, tanto che a livello nazionale è l’unico clochard a cui sia stato dedicato un monumento, con nome e cognome, che si trova nel centro storico di Parma, in piazzale della Macina (a firma dello scultore Maurizio Zaccardi).

Autori del docufilm sono i giornalisti Francesco Dradi, Fabrizio Marcheselli e Antonio Cavaciuti; riprese di Renato Lisanti. A dare il volto a Sicuri è l’attore Alvaro Evangelisti, ma la voce è quella vera del “Màt” registrata negli anni Ottanta. Tra scene di fiction e documenti originali, come le foto del giornalista Giovanni Ferraguti, il progetto raccoglie testimonianze di parmigiani che hanno conosciuto e frequentato Sicuri: il celebre giornalista Giorgio Torelli, il barista Giacomo Sartori, la pasticciera Loredana Pagani, l’orologiaio Tino Casoli. Un cameo a sorpresa è previsto nel ruolo di Dante Spaggiari, l’incisore anarchico che fu il mentore di Sicuri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma 2020 in 48 ore: un itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura

    • dal 15 gennaio al 30 settembre 2020
    • Location varie
  • Florilegium di Rebecca Louise Law a Parma2020 per Pharmacopea

    • Gratis
    • dal 29 febbraio al 19 dicembre 2020
    • Antica Farmacia S. Filippo Neri
  • Il Tempo della Scienza: la Citizen Science per scoprire la natura delle Aree Protette

    • dal 6 febbraio al 18 ottobre 2020
    • Location varie
  • Il 13 giugno 2020 riapre la mostra “Van Gogh Multimedia & Friends” a Parma, Capitale della Cultura 2020 + 2021

    • dal 13 giugno al 16 agosto 2020
    • Palazzo Dalla Rosa Prati
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento