l'indifferenza vista dai disegnatori umoristici in mostra a bedonia

Nella prima metà del sec. XIX era attiva a Bedonia una scuola - che si occupava in particolare della formazione dei futuri Sacerdoti - tenuta da Don Giovanni Agazzi la cui fama richiamava numerosi giovani: da qui la necessità di un edificio che potesse accogliere “la gioventù studiosa della montagna”.
Inserito in una pittoresca cornice di verde e di opere architettoniche da lasciare a bocca spalancata, il Seminario rappresenta una delle eccellenze locali.
Nel Seminario, si trova un’antica biblioteca che conserva un’incredibile collezione di volumi antichi, una pinacoteca, un museo dedicato a Romeo Musa (noto artista locale) e una ricchissima collezione di immaginette sacre donate nel corso del tempo da Vescovi, illustri esponenti religiosi e privati. A completare il tutto un museo archeologico e il museo di scienze naturali dall’altissimo valore culturale, che comprende una sezione dedicata agli animali e una dedicata a diorami che riproducono fedelmente ambienti naturali di ogni tipologia. Ultimo ma non per importanza il planetario, strabiliante struttura nella quale potrete ammirare l’enormità dello spazio a qualsiasi ora del giorno. I viaggi nello spazio sono, al giorno d’oggi, ancora di difficile realizzazione. Grazie al planetario, potrete ovviare al problema senza dover indossare una tuta spaziale. Resterete incantanti in questa indimenticabile avventura.
Il Seminario offre sale per convegni e ampi spazi per l’allestimento di mostre, è in questo contesto che trova spazio - dal 7 al 21 agosto 2020 - una selezione dei disegni degli artisti che hanno partecipato al concorso internazionale di disegno umoristico World Humor Awards, che ha visto la partecipazione di oltre 200 artisti provenienti da 62 diversi Paesi.
World Humor Awards, l'indifferenza nelle parole di Papa Francesco.
A proposito della "INDIFFERENZA" ne ha parlato Papa Francesco nel messaggio inviato in occasione dell’edizione 2018 del Meeting di Rimini ...
Nella lettera il Papa afferma che «oggi non viviamo un’epoca di cambiamento quanto un cambiamento d’epoca». Le parole del pontefice, sono per noi l'occasione per riflettere sul tema della 'indifferenza' del World Humor Awards, in esposizione in questi giorni presso il Seminario di Bedonia.
Il titolo della XXXIX^ edizione del Meeting di Rimini è: "Le forze che muovono la storia sono le stesse che rendono l’uomo felice" e fa riferimento a quella svolta cruciale avvenuta nella società intorno al Sessantotto, i cui effetti non si sono esauriti a cinquant’anni di distanza,
La rottura con il passato era l’imperativo categorico di una generazione che riponeva le proprie speranze in una rivoluzione delle strutture capace di assicurare maggiore autenticità di vita.
Che ne è stato di questo tentativo? Che cosa è rimasto di quel desiderio di cambiare tutto?
Non è questa la sede per un bilancio storico, ma possiamo riscontrare alcuni sintomi che emergono dalla situazione attuale dell’Occidente. Si torna ad erigere muri, invece di costruire ponti. Si tende ad essere chiusi, invece che aperti all’altro diverso da noi. Cresce 'l’indifferenza', piuttosto che il desiderio di prendere iniziativa per un cambiamento. Prevale un senso di paura sulla fiducia nel futuro. E ci domandiamo se in questo mezzo secolo il mondo sia diventato più abitabile.
Questo interrogativo riguarda tutti quelli che sono passati attraverso la stagione del ‘68 e che ora siamo chiamati a riflettere, insieme a tanti altri protagonisti, e a domandarci: che cosa abbiamo imparato? Di che cosa possiamo fare tesoro?
Certamente non possiamo ritirarci dal mondo per non rischiare di sbagliare.
Non possiamo rinunciare a sognare che il mondo cambi in meglio.
Chi salverà oggi questo desiderio che abita, seppure confusamente, nel cuore dell’uomo?
Solo qualcosa che sia all’altezza della sua brama infinita. Se infatti il desiderio non trova un oggetto adeguato, rimane bloccato e nessuna promessa, nessuna iniziativa potranno smuoverlo. Da questo punto di vista, «è perfettamente concepibile che l’età moderna, cominciata con un così eccezionale e promettente rigoglio di attività umana, termini nella più mortale e nella più sterile passività che la storia abbia mai conosciuto».
Dobbiamo trovare la forza di liberarci dalla schiavitù dei “falsi infiniti”, che promettono felicità senza poterla assicurare, e renderci protagonisti sulla scena del mondo, facendo della storia l'arma che sconfigge 'l'indifferenza'.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • Florilegium di Rebecca Louise Law a Parma2020 per Pharmacopea

    • Gratis
    • dal 29 febbraio al 19 dicembre 2020
    • Antica Farmacia S. Filippo Neri
  • L’autunno dorato dell’Alta Valtaro

    • dal 9 settembre al 19 novembre 2020
  • Parma Jazz Frontiere: dal 3 ottobre al 18 novembre

    • dal 3 ottobre al 18 novembre 2020
    • Location varie
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ParmaToday è in caricamento