La polisportiva Coop Parma 1964 premia la scuola racagni.

L’occasione per rafforzare la collaborazione stretta con la scuola Racagni è stata l’ultimo giorno delle lezioni scolastiche.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

A metà mattina nel luminoso e colorato atrio della scuola si sono riuniti tutti gli alunni e il corpo docente. Giancarlo Gobbi, segretario della società sportiva che ha sede a pochi metri dalla scuola e che da più di 50 anni è riferimento sportivo del quartiere, ha esortato i piccoli studenti ed i loro insegnanti a portare avanti, insieme, un nuovo “rinascimento” del quartiere. Il progetto vede Istituto Scolastico e Polisportiva Coop collaborare in varie occasione, recentissima la festa ”Pablo è vivo” a fine maggio, dove sono stati organizzati eventi sportivi di atletica, calcio, karate, pesca e volley per tutti i bambini del complesso scolastico. A prendere in consegna la targa è stata la Dirigente, prof.ssa Lucia Ruvidi, che ha subito condiviso i complimenti per il sodalizio sociale sportivo con tutto il corpo docente, a partire dalla sua prima collaboratrice, Maristella Tassi. Ma l’entusiasmo maggiore si è visto nei bambini, complice forse anche il giorno particolare, la chiusura dell’anno scolastico, hanno accolto con favore le proposte sportive di nuoto, canoa, atletica, volley, etc. presentate dalla Società Sportiva. Molte le idee messe in campo per il futuro, tra queste la più importante senz’altro quella di portare avanti una collaborazione solidale tra Scuola e Polisportiva, continuativa nell’anno, anche in orario scolastico, per arrivare in primavera ad indire un torneo di calcio tra le varie scuole primarie del complesso Bocchi, Racagni, Palli e Campanini. Altro obiettivo molto stimolante quello di far coincidere la festa di chiusura della scuola con una sorta di miniolimpiade fra tutti gli alunni, riportando all’interno del quartiere quella fervida vivacità tipica del passato.

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento