menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maratona della Terre Verdiane: domenica 27 febbraio la gara diventa "eco"

Dalla Provincia un decalogo per gli eventi: regole e “buone prassi” nel nome di etica e ambiente. Regole “in vigore” già domenica prossima nell’Ecomaratona delle terre verdiane

Limitare il più possibile l’impatto ambientale delle manifestazioni sportive. E’ una sorta di “decalogo” quello che la Provincia propone alle società e alle associazioni impegnate nell’organizzazione e gestione di eventi: azioni che incentivano il rispetto dell’ambiente e promuovono i valori ispirati all’etica della pratica sportiva. Chi vorrà ottenere il patrocinio o il sostegno dell’Ente di piazza della Pace per un evento sportivo dovrà dunque attenersi a diverse norme volte a tutelare e salvaguardare l’ambiente, come, ad esempio, il ripristino dopo una gara delle condizioni ambientali originali, l’uso dell’acqua della rete pubblica e l’utilizzo di mezzi pubblici per trasferire i partecipanti alle manifestazioni. E ancora, dovrà attenersi ad alcune regole di etica sportiva, come il rispetto reciproco tra i concorrenti, l’obbligo di ciascun concorrente di prestare soccorso a un atleta in difficoltà, pena la squalifica, o l’assenza di premi in denaro per i vincitori.

“Queste regole sono il primo passo della Provincia verso il decalogo di responsabilità sociali per gli enti di promozione sportiva, che sarà completato a maggio - ha detto il responsabile dell’Agenzia provinciale per lo Sport Walter Antonini, presentando l’iniziativa questa mattina in Provincia -. A queste prime norme ne aggiungeremo quindi delle altre, di natura soprattutto sociale ma anche ambientale: norme sulle quali baseremo i criteri di selezione per eventuali patrocini o sostegni”.

Dopo la sperimentazione effettuata l’anno scorso nell’ambito delle attività di Trail, la Provincia ha quindi deciso di incentivare lo sport per tutti consolidando l’impianto ideale a cui dovranno ispirarsi le manifestazioni. È il caso della 14esima maratona delle terre verdiane in programma domenica prossima, 27 febbraio, diventata a tutti gli effetti una “Ecomaratona”. Oltre ad adottare i criteri relativi al rispetto per l’ambiente e all’atteggiamento solidale tra concorrenti, la manifestazione prevede anche un’iniziativa di biocompensazione, nata dalla collaborazione tra l’associazione sportiva “Forti & liberi”, la Provincia e il Comune di Salsomaggiore.

Altra novità dell’ “Ecomaratona” delle terre verdiane è il nuovo tracciato della 30km, che parte dal Fidenza Village e arriva a Busseto. Gara che si aggiunge a quelle divenute ormai una tradizione: la Salso-Fidenza di 10 km, la “Mezza di Fontanellato” di 21 km e l’Ecomaratona da Salso fino a Busseto di 42 km.

Le regole della Provincia per gli eventi sportivi

A tutela dell’ambiente:
- Gli organizzatori si impegnano a ripulire, ripristinare e se possibile migliorare le condizioni ambientali presenti prima dell’evento;
- Nelle competizioni si prevedono penalità o squalifiche per gli atleti sorpresi ad abbandonare rifiuti o qualsiasi altro oggetto sul percorso in quanto l’obiettivo principale è il massimo rispetto per l’ambiente che ospita l’evento;
- Ogni qualvolta sia possibile occorre utilizzare “l’acqua del Sindaco”, ovvero l’acqua della rete pubblica;
- Nell’organizzazione dei ristori debbono essere utilizzati bicchieri e posate biodegradabili; occorre comunque organizzare una specifica raccolta differenziata per ogni tipo di rifiuto prodotto;
- Per il trasferimento dei partecipanti alle manifestazioni e per i trasporti interni debbono essere utilizzati mezzi pubblici e/o mezzi a basso impatto (alimentati a metano o elettrici).

Per promuovere un’etica dello sport:
- Il rispetto e la collaborazione fra le persone sono alla base dell’etica sportiva;
- In caso di competizione ogni concorrente ha il dovere di prestare soccorso ad un altro atleta in difficoltà ed avvisare il più vicino punto di soccorso, pena la squalifica dalla gara;
- Il massimo rispetto sarà dovuto ai giudici, ai volontari e al personale in servizio durante la gara, preposti a vigilare sulla sicurezza e tranquillità dei partecipanti;
- I regolamenti di gara non prevedono premi in denaro per i vincitori, ma solo premi in natura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento