Parma si veste e si apre ai turisti in occasione della 4° edizione di Maschere italiane a parma

La Manifestazione Maschere Italiane a Parma giunge quest’anno alla 4° edizione, con tante novità, tra le quali la realizzazione dei pacchetti turistici ad hoc e la vestizione della città attraverso le vetrine degli esercizi commerciali. Gli amanti delle maschere allegoriche e delle tradizioni e culture che esse portano con sé, potranno partecipare a una due giorni (23/24 maggio) dove cultura e spettacolo, tradizioni e storia, prodotti e produzione si fondono in un ciclone colorato e travolgente.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Ieri presso la sala Stampa del Comune di Parma si è tenuta la conferenza stampa che ha dato avvio ufficiale ai lavori preparatori per la manifestazione Maschere Italiane a Parma che giunge quest'anno alla 4° edizione, mantenendo inalterata la voglia di valorizzare e promuovere il ruolo della maschera allegorica come sintesi espressiva del binomio "Tradizioni" e "Tipicità" delle comunità locali nella storia e nel territorio italiano; La manifestazione si svolge grazie al patrocinio e coorganizzazione del Comune di Parma, assessorato al commercio e turismo e del Comune di Colorno, coinvolto per la prima volta.

Sabato 23 e domenica 24 maggio 2015 I colori, le tradizioni e la cultura delle Maschere Allegoriche Italiane attraverseranno le vie del Centro di Parma e popoleranno la splendida Reggia di Colorno.

Il ciclone colorato e travolgente formato da maschere provenienti da ogni regione d'Italia capitanate dallo Dsèvod partiranno da diversi punti del centro di Parma non si tratterà infatti di vere sfilate ma piuttosto cortei di maschere interagenti con il pubblico e i negozi che passando sui marciapiedi, cattureranno l'attenzione dei passanti con simpatiche tappe cittadine ravvivate da gag e pillole di teatro popolare e condurranno il pubblico in piazza Duomo dove avverrà il raduno di tutti i percorsi, per poi partire in sfilata plenaria per l'ultimo tragitto e bagno di folla. Maggiori dettagli sul sito www.maschereitalianeaparma.it e la pagina FB: www.facebook.it/maschereallegoricheitaliane .

"La maschera - ha dichiarato Maurizio Trapelli "al Dsèvod", alla conferenza stampa in Municipio -coniuga la piacevolezza di uno storico spettacolo e l'utile fine di valorizzare il patrimonio culturale e sociale di un territorio; unisce cultura e spettacolo, tradizioni e storia, prodotti e produzione; collabora cioè a mantenere vivo il patrimonio culturale italiano, fatto di tradizioni popolari, di dialetti, di prodotti tipici, di bellezze architettoniche ed ambientali".

"Obiettivo dell'edizione 2015 - ha affermato l'assessore al turismo Cristiano Casa - è quello di incrementare l'afflusso turistico attivando pacchetti ad hoc, e di coinvolgere maggiormente il tessuto economico locale. Sarà un'iniziativa di rilievo e attrazione nazionale - ha proseguito l'assessore - che si allarghera al territorio per aumentare le giornate di permanenza dei turisti". Sono già a disposizione dei visitatori i pacchetti turistici del Tour operator Parma Incoming

Sul valore dal punto di vista turistico ha insistito Claudio Franchini, direttore di ASCOM, partner e sponsor della manifestazione, che si è attivata per la vestizione delle vetrine lungo il percorso della sfilata ed ha creato una card, che prevede agevolazioni per i turisti e pubblicità per i negozi aderenti.

Viene infatti offerta l'opportunità ai negozi del percorso di personalizzare il proprio P.V. con materiale legato all'evento, le immagini delle vetrine entreranno a far parte di una galleria fotografica sul sito www.maschereitalianeaparma.it , la pagina FB: www.facebook.it/maschereallegoricheitaliane e sul portale territoriale Cuori di Parma www.cuoridiparma.it

Quest'anno sarà della partita anche il Comune di Colorno, che ospiterà la seconda giornata della manifestazione: "Le maschere italiane - ha affermato il sindaco Michela Canova - rappresentano un patrimonio culturale da valorizzare, una tradizione che intendiamo proporre anche alle scuole".

Il delegato della Provincia Gian Guido Bellini ha sottolineato l'opportunità di dar continuità alla manifestazione, coinvolgendo sempre di più il territorio al di fuori dei confini della città.

Infine, lo storico Marzio Dall'Acqua ha annunciato una serie di iniziative collaterali che coinvolgeranno nelle due giornate il Museo dei Burattini, il Museo Cinese, la Famija Pramzana, la Reggia di Colorno e l'Archivio di Stato.

Al Dsevod" Maurizio Trapelli ha poi annunciato che Parma è stata riconosciuta come sede del Centro di coordinamento delle maschere italiane. La manifestazione 2015 infatti sarà l'occasione per la consegna ufficiale delle tessere del Centro di Coordinamento Nazionale Maschere Italiane, con sede a Parma, proclamato nella scorsa edizione e che ha preso ufficialità quest'anno. Il Centro è guidato da un Gruppo Operativo composto da organizzatori ed esperti del settore e si pone l'obiettivo di sviluppare, testimoniare e valorizzare a livello nazionale la conoscenza delle maschere allegoriche e di coordinare le molteplici realtà locali, promuovendo ricerche storiche, attivando centri studi e di assistenza nel settore, evidenziando innanzi tutto l'importanza delle culture, dialetti e tradizioni che le maschere tramandano e portano con loro in tutte le loro apparizioni.

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento