Pino Pascali in mostra al Teatro Due con 'Mediterraneo Metropolitano'

La mostra sarà visitabile fino al 26 febbraio nelle sale del Teatro Due, in Viale Basetti 12/a, Parma, con i seguenti orari: martedì-sabato 20:00-23:30, domenica 15:00-18:00. Ingresso libero

Un opera di Pino Pascali

Inaugurata il 3 febbraio, la mostra presenta con un inedito taglio critico la figura di Pino Pascali, scultore, scenografo e performer pugliese, la cui attività abbraccia un decennio, che va dalla fine degli anni Cinquanta al 1968, anno della tragica scomparsa. La collezione esposta, proveniente da diversi nuclei (Galleria Colossi Arte Contemporanea-Brescia; Archivio dell’Opera Grafica di Pino Pascali – Firenze;Collezione Vittorio Berardi – Rutigliano, Bari), fa riferimento all’impegno dell’artista in ambito pubblicitario, negli anni in cui Pascali lavorava in RAI come aiuto-scenografo e presso la casa di produzioneLodolo Film, come inventoredi cartoons e spot pubblicitari. In mostra sono presenti diversipersonaggi usciti dalla sua matita,resi celebri dalla trasmissione RAI Carosello, come nel caso diSalvador el Matador del Televisor,creato per l’Algida nel 1962, ma anche altri meno conosciuti come i Killers,un progetto rifiutato dalla committenza e perciò mai mandato in onda.

L’iniziativa della mostra è nata nel contesto del workshop “Pensare per fare” tenuto dalla professoressa Francesca Zanella nell’ambito del Corso di Laurea in Storia, critica e organizzazione delle Arti e dello Spettacolo dell’Università di Parma. Le curatrici, le studentesse Enza Bergantino e Rossella Romito, spieganoche il progetto della mostra intende ricostruire il lavoro di Pascali individuando nella sua produzione due fonti d’ispirazione, che sono una sorta di “serbatoio di idee” a cuiattinge liberamente nell’attività creativa. Si spiega così il titolo «Mediterraneo Metropolitano», che sintetizza da una parte i continui rimandi alla natura e alla cultura della sua terra natale, dove predominano i cicli lenti della vita agreste, dall’altra invece l’interesse per l’ambiente urbano, che diventa manifesto dopo il suo trasferimento a Roma, dove si confronta con i ritmi frenetici della vita moderna ai tempi del boom economico. Scelti per la mostra anche quattro giovani artisti emergenti che lavorano sulle tematiche del mediterraneo e del metropolitano, aprendo così un interessante confronto sulle soluzioni date da due generazioni diverse.

Molto originale è l’allestimento dell’esposizione, realizzato da Valentina Pirelli, Sara Montoro e Nicola Spalanzino, studenti di architettura dell’Università di Parma. Lo Spazio Caldaie, dove sono sistemate le opere dei giovani artisti, è impostato sul tema della “sospensione”, per ricordare l’ospitalità che l’iniziativa ha ricevuto presso gli ambienti del Teatro Due. Anche nello Spazio Minimo, dove si trovano i lavori di Pascali, l’allestimento rimanda al contenitore della mostra: attrezzi del palcoscenico teatrale, come scale di metallo, muri e cartelli stradali, curiosamente diventano il supporto delle opere e bene si sposano con l’individuazione dei due temi portanti “mediterraneo” e “metropolitano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’impressione che si ha visitando la sala di Pascali è quella di superare lo spazio normalmente riservato allo spettatore e di appropriarsi del palcoscenico. L’idea dei curatori di togliere le consuete barriere tra palco e platea, appare perfettamente riuscita, grazie alla decisione di mantenere l’ambiente nero e di concentrare le luci sulle opere. Ad azzerare la distanza tra arte e pubblico contribuisce anche la scelta di mettere le sagome di alcuni dei personaggi inventati da Pascali tra i posti a sedere, quasi fossero spettatori di sé stessi, un’idea che è pienamente in sintonia con lo spirito ludico dell’artista.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento