menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La mostra

La mostra

Successo per la personale di Valter Berni alla Camera di Commercio

L'esposizione dell'interior design parmigiano continua fino al 13 aprile. Si prolungano gli orari: da lunedì a venerdì mattina dalle 8:30 alle 12:30, pomeriggio dalle 15:15 alle 17:30. Ingresso libero

Alla Camera di Commercio prosegue la mostra dedicata all’interior designer parmigiano, di cui vengono presentati i dipinti realizzati in questi ultimi anni. L’attenzione che Valter Berni rivolge alla pittura, ha radici profonde e lontane nel tempo: si manifesta dapprima come curiosità per il modus operandi dei grandi artisti, traducendosi poi lentamente nel bisogno di sperimentare e nella ricerca di un percorso personale. Avvicinandosi all’arte da autodidatta, approfondisce una cultura visiva che si riconduce alla sua lunga esperienza nella progettazione degli interni. Venuto in contatto nell’ambito professionale con un ampio repertorio di opere d’arte, la sua attenzione si rivolge soprattutto alla cultura informale, da cui deriva l’interesse per le qualità espressive dei materiali, che siano essi colori, supporti, oppure inserti polimaterici.

I primi incontri con la tela risalgono alla fine degli anni Sessanta, ma è soprattutto nell’ultimo decennio che l’impegno si consolida e l’operazione artistica inizia a profilarsi come una sorta di necessità interiore, un’indispensabile “dimora” per quella carica emozionale che non può più essere assecondata. I racconti che elabora non si riferiscono ad un mondo oggettivo, ma sono forme che affiorano alla memoria e si mescolano a sogni ed immaginazioni, guidando la mano dell’artista in un processo creativo che sembra farsi da sé. Le opere nascono così da una conversazione “a quattr’occhi” con la tela, pronta, quest’ultima, ad accogliere, come nessuno meglio può fare, il flusso di emozioni impresse senza filtro. Strumento eletto per la comunicazione è il colore, ricco, prezioso, elegante, testimone di un vitalismo interiore esplosivo. L’uso generoso degli impasti cromatici, accostati con gusto e sapienza, è probabilmente il filo conduttore del suo gesto artistico, che lega i primi esperimenti ai lavori più recenti.

La mostra focalizza l’attenzione su alcuni aspetti salienti della sua creatività: la caratteristica vivacità delle tinte anzitutto, ma anche l’utilizzo di impasti materici densi, scalfiti talvolta come fossero sculture. Il percorso viene proposto secondo un’articolazione tematica, che evidenzia due importanti soggetti ricorrenti, appunto “la città e la natura”. Il paesaggio urbano e quello naturale, con cui si cimenta sin dai primi dipinti ad olio realizzati negli anni Settanta, costituiscono un ampio repertorio d’idee a cui attingere: emerge così la sensibilità di uomo cresciuto nelle terre del Po, che guarda a lontani paesaggi metropolitani quasi fossero un miraggio, probabilmente un modello creativo nel suo percorso professionale. Un terzo gruppo riunisce una serie di opere accomunate da una particolare vivacità cromatica, dove il colore acquista un senso evocativo, diventando talvolta una sorta di metafora, un rimando ad una dimensione lontana e mistica. Questo sottile gioco di richiami delinea un percorso che è insieme artistico ed umano, dove l’atto creativo è strettamente legato alla riscoperta di sé.

L’impegno nella pittura non potrebbe comunque essere considerato separatamente dalla sfera da cui ha avuto origine e ha tratto linfa negli anni: alla sua attività di interior designer fa riferimento la scelta di inserire nell’allestimento alcuni pezzi d’arredo storici cari all’artista, che vogliono essere solo una citazione dell’attività a cui si è dedicato per oltre mezzo secolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento