menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paride Tridente: un parmigiano di adozione al campionato mondiale di bartender

Ha lavorato in locali di prestigio in Italia e all'estero. Da 2 anni ha scelto di vivere a Parma. Ha partecipato a numerose competizioni con ottimi risultati. Ora promette: "Sentirete parlare di me"

Paride Tridente ha 28 anni ed è un "official competitor" in vari campionati tra bartender. Attualmente gareggia nel campionato mondiale WFA (World Flair Association). Vive a Parma da 2 anni e lo presentiamo in esclusiva ai lettori di ParmaToday.

Raccontaci come hai cominciato?
Ho iniziato stando dietro un bancone di mogano, ricordo ancora il colore marrone scuro lucido con qualche graffio qua e là in un bar di un piccolo paesino della Campania in riva al mare. Che tempi!
Negli anni poi ho scoperto quanto mi appassionasse questo mondo così particolare e denso di piccole e grandi sfaccettature. Iniziai ad interessarmi alle composizioni dei vari distillati, liquori, aromi e alle spezie usate con la loro fragranza inebriante, le forme più svariate e la loro produzione!
Poi nel 2002, una sera, metre ero nel pub di un caro amico, Emilio, parlando del più e del meno sulle varie forme di degustazione delle birre, mi mostrò una rivista che trattava argomenti di bar e barman. In quel momento capii che esistevano molte competizioni e scuole di barman acrobatici, anche della disciplina nota come "flair".

GUARDA LE FOTO DI PARIDE


Quando è scattata la scintilla per questo mondo?
Ero attratto da tutto ciò, la curiosità cresceva ogni attimo, secondo dopo secondo, pagina dopo pagina mentre sfogliavo quella rivista. Un paio di giorni dopo, il mio amico Emilio mi propose di andare a vedere la scuola citata in quel giornale, anche perchè aveva in sè una struttura che riforniva la maggior parte dei locali di Roma. La scuola era la FBS, Flair Bartender's School.
Quando vidi all'interno cosa facevano, ebbi un' esplosione di euforia e da lì capii che quella sarebbe stata la strada da intraprendere: volevo diventare un competitor di "flair".

Che ricordi hai di quel periodo?
Vi racconto un aneddoto, così ridiamo un po'.
Un giorno andai a lezione indossando t-shirt che avevo fatto fare da un mio amico. Sulla maglia avevo fatto stampare le lettere FBS in verticale e sulla parte destra c'era la scritta "Flayr Bartender's School". Sì, esatto, "Flayr" con la "Y"! Il mio trainer di allora, poi diventato un caro amico, Armando Del Fiore, appena vide la scritta sbottò: "Ma chi l'ha fatto entrare questo? Ma mandatelo via!". E poi scoppiò a ridere in modo affettuoso. Volevamo così tanto bene ad Armando che un giorno, sulla lavagnetta dove lui si accingeva a scrivere i "compiti" (drink) da fare a casa, scrivemmo a lettere cubitali "KILL THE MASTER TRAINER" con accanto un mitra giocattolo in segno di affetto!

Quanto tempo dedichi all'allenamento?
Finiti i corsi teorici mi dedicai all'allenamento pratico del "flair". Ore ed ore, senza pausa. A volte cominciavo al mattino e finivo la sera. Ovviamente quando ne avevo la possibilità. Oggi i miei allenamenti si basano su 4 ore al giorno e 4 ore la sera.

Dove hai lavorato e cosa stai facendo?
Ho avuto possibilità eccezionali, lavorando in molti locali noti della capitale e poi anche all'estero. Ho lavorato a Piazza del Campo a Siena, a Madrid, Barcellona, Londra, Firenze, Bologna, Milano, Torino e Parma.
Da due anni vivo nella città ducale e sono in collaborazione con la B.A.S. (Bartending American System) di Reggio Emilia.
In questi giorni sto effettuando dei mini tour per trovare locali che vogliono essere miei sponsor ed inserire il logo sulle mie maglie nelle competizioni.

Dove vuoi arrivare?
Non so rispondere di preciso, ma di sicuro sentirete parlare di me.

Come saluteresti i nostri lettori?
Con il mio motto: I have the fun, you look my flair!

COMPETIZIONI E PIAZZAMENTI
3° place Riccione Shaker Dreams (Riccione)
2° place Hard Rock Cafè Competition (Amsterdam)
10° place Italian Flair Open (Parma)
6° place Absolut Talent Show (Roma)
9° place Parma Free Flair (Parma)
13° place Mixology Flair Event (Genova)
7° place Pordenone Festival Cocktails (Pordenone)
2° place Monza Exibition Flair (Monza)
5° place Globe Flair Contest (Cervia)
1° place Jack Label Event (Zurigo)
5° place 42 Below Cocktail World Cup (Vienna)
3° place Wortex Pub in Flair (Modena)
23° place Absolut Talent Show (Milano)
2° place UK Crash Bottle (Nottingham)
1° place X51 Game Flair (Brescia)
24° place Road House (Londra)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa

  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento