menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Rocca d'Autore", alla scoperta del maniero Sanvitale a Fontanellato

Dal 1 marzo al 30 dicembre 2011, su prenotazione, le guide accompagneranno i turisti ed i visitatori alla scoperta della maniero fondendo la storia dei secoli passati con curiosità di oggi, perlopiù connesse alla settima arte

Ogni viaggio inizia con uno sguardo: devono averlo pensato anche alcuni grandi artisti del Novecento quando hanno scelto Fontanellato ed il suo Castello ancora circondato dall’acqua come ambientazione per la scena di un film o come ispirazione per un romanzo. Ecco allora un nuovo modo di visitare la Rocca Sanvitale di Fontanellato, a 19 km da Parma, che abbina riferimenti unici al cinema, alla saggistica, alla fotografia e alla letteratura. Il percorso si intitola “Rocca d’Autore” ed è stato pensato dallo staff del Museo Rocca Sanvitale, gestito in Ati da Cooperativa Parmigianino, cooperativa SocioCulturale, PierreCiCodess e Ge.S.In.

Dal 1 marzo al 30 dicembre 2011, su prenotazione, le guide accompagneranno i turisti ed i visitatori alla scoperta della maniero fondendo la storia dei secoli passati con curiosità di oggi, perlopiù connesse alla settima arte.

La Camera Ottica: da Ghirri a Bertolucci
Per i curiosi, gli appassionati di cinema, fotografia e tv
Il viaggio inizia in una delle torri (la torre circolare di sud-est) dove si può ammirare l’unica Camera Ottica in funzione in Italia. Costruita nel XIX secolo, attraverso un sistema di specchi, riflette l'immagine della piazza antistante su uno schermo. La camera ottica di Fontanellato è presente in una sequenza del film Prima della rivoluzione di Bernardo Bertolucci (1964).

La suggestiva Camera Ottica del Castello di Fontanellato continua a stupire e incantare grandi e piccini, artisti di passaggio e turisti. Tutti ne restano profondamente affascinati. Perché non andare a scoprirla, allora? E’ collocata alla fine del giardino pensile, dove la contessa Albertina con i figlioletti, era solita passeggiare. Si entra dunque nella buia stanza del torrione sul fossato,  priva di finestre, caratterizzata da un odore di grotta salmastra. Ci si dispone lungo le pareti nel buio più completo. E appena chiusa la porta col chiavistello, si scopre piano piano un effetto ottico molto suggestivo che si forma su due schermi concavi posti a modo di tavolini: si vede  una sorta di reality, l'immagine rovesciata della piazza antistante al castello con la gente che passa in tempo reale. I raggi del sole vengono filtrati attraverso un sapiente gioco di prismi che proietta con due sistemi di specchi le immagini del mondo esterno come se esse penetrassero attraverso i muri. Anche Luigi Ghirri, uno dei più grandi fotografi italiani prematuramente scomparso, ne rimase profondamente impressionato. Ben descrive l'effetto e l'emozione in "Niente di antico sotto il sole. Scritti e immagini per una autobiografia" del 1997: "Come se, miniaturizzati, potessimo per incanto entrare in una macchina fotografica. Da più di quattrocento anni, questa foto-telecamera primordiale ripete al sorgere del sole questo miracolo: osservare nell'immagine come la luce che gradualmente si stende sul piazzale disegna i contorni, accende i colori, le cose, le persone fino alle nuvole in cielo appena dietro alle case di Fontanellato…".
Anticamente la torretta che ospita il marchingegno era una prigione a più piani. La Camera Ottica non era un artificio inventato dai nobili Sanvitale per controllare i loro sudditi, ma un gioco di società della fine dell'Ottocento che racchiude le suggestioni positivistiche e i progressi della scienza, ideologia cara a molti membri della dinastia fontanellatese. Prenotazioni obbligatorie: Iat Rocca Sanvitale, tel. 0521.829055. www.fontanellato.org.

Per i bambini. 101 Places You Gotta See Before You're 12!
Debutta il Laboratorio di Pozioni con Maga Iridella, Occlumina e Svaporetta

Avete meno di 12 anni? Un libro della scrittrice americana Joanne O'Sullivan vi consiglia di visitare Fontanellato. Non ancora tradotto in italiano cita 101 posti al mondo che un bambino dovrebbe visitare prima di compiere 12 anni. Per continuare a tornare, cogliendone aspetti inediti, crescendo. Le destinazioni consigliate dalla scrittrice sono in gran parte statunitensi: c'è Myrtles Plantation a St. Francisville, in Louisiana, descritta come la casa più infestata d’America, mentre in Italia una segnalazione è riservata proprio a Fontanellato, in provincia di Parma, dove nobildonne e cavalieri dalla Galleria degli Antenati rivivono grazie a rievocazioni storiche, cene notturne in castello, eventi per i più piccoli come laboratori creativi e didattici tra cui il nuovissimo “Laboratorio di Pozioni con Maghe Iridella, Occlumina e Svaporetta”, tra scienza, chimica ed un pizzico di magia. Perfetti per i più piccoli anche il laboratorio-gioco “Cosa nascondono i Sanvitale?” alla ricerca di nascondigli e passaggi segreti, oltre al più classico “Laboratorio di Affresco”. Prenotazioni obbligatorie: Iat Rocca Sanvitale, tel. 0521.829055. www.fontanellato.org.

Per gli appassionati di libri
Da Ovidio a John Grisham fino a Francesca Sanvitale

Arrivare davanti alla Rocca Sanvitale e sentirsi i protagonisti di alcune pagine del giallista John Grisham che ambientò alcune scene romantiche del suo romanzo "Playing for pizza" - tradotto Il Professionista, edito da Mondadori nel 2007 – proprio davanti alla Rocca Sanvitale, descrivendola e citandola. Anche la scrittrice Francesca Sanvitale, gran signora della Cultura recentemente scomparsa, discendente del ramo cadetto dei Conti Sanvitale, dedica il titolo di un suo saggio “Camera ottica: pagine di letteratura e realtà”, Einaudi (1999) proprio alla Camera Ottica di Fontanellato ancora in funzione in Castello. Infine il poeta latino Ovidio, citato espressamente, nella Saletta di Diana e Atteone, con una frase tratta dalle sue Metamorfosi: in questa stanza di soli 3 x 4 metri viene rappresentata la leggenda di Atteone, un cacciatore che, dopo aver inavvertitamente scorto Diana mentre si rinfrescava in una pozza d'acqua, viene trasformato per punizione dalla stessa dea, protettrice della caccia, in un cervo e divorato dai suoi stessi cani. Prenotazioni obbligatorie: Iat Rocca Sanvitale, tel. 0521.829055. www.fontanellato.org.

Per gli appassionati d’arte ed enogastronomia
Da Parmigianino a Canova
Imperdibili i due gioielli del Castello di Fontanellato: l’affresco del Parmigianino (1524) nella Salettta di Diana e Atteone e il calco di mano attribuito allo scultore maestro del neoclassico Antonio Canova al piano nobile della Rocca. Un modo speciale per visitare il maniero è “Il Gusto della Cultura” con visite guidate a tema, notturne, con animazione e cena finale in pinacoteca dove immancabili sono i ghiotti prodotti tipici del territorio. Prenotazioni obbligatorie: Iat Rocca Sanvitale, tel. 0521.829055. www.fontanellato.org.

Per gli appassionati di Misteri
Il ritratto della Contessa decapitata
Nella camera nuziale del Castello è presente un ritratto di Barbara Sanseverino Sanvitale, contessa di Colorno, famosa per la sua bellezza ed intelligenza, che però venne fatta decapitare dal Duca Ranuccio I Farnese, con il pretesto di una congiura contro di lui. Chissà cosa realmente c’era stato dietro l'episodio?.

Informazioni per visitare il Castello e la Camera Ottica: Iat Rocca Sanvitale 0521.829055.
www.fontanellato.org

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento