Salsomaggiore Terme forma i tutor dell’ospite

Incontro “full immersion” organizzato dalla Comunità Ospitale-Borghi Autentici d’Italia a Salsomaggiore Terme (Pr) per un focus sul tema dell’ospitalità “tailor made”.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Un incontro “full immersion” organizzato dalla Comunità Ospitale-Borghi Autentici d’Italia si è svolto in questi giorni a Salsomaggiore Terme (Pr) per un focus sul tema dell’ospitalità “tailor made”, in cui i servizi personalizzati rappresentano quel valore aggiunto che porta il turista a preferire quelle soluzioni “su misura” che propongono un mondo davvero speciale legato fortemente al Territorio. Speciale come la figura del "tutor", l'interlocutore dell'ospite che desidera fare un'esperienza sul territorio nella prospettiva di diventarne sempre più un "cittadino temporaneo". “Nell’ambito di un modello di sviluppo locale sostenibile - sottolinea Fausto Faggioli, docente nell’ambito dell’incontro - rispettoso dei luoghi e delle persone e attento alla valorizzazione delle identità locali, il nostro obiettivo deve essere quello di far riscoprire i borghi italiani quali luoghi da vivere, luoghi in cui gli ospiti possano fare esperienze, possano emozionarsi e apprendere. Per cui fra le abilità e le competenze richieste ai nuovi manager vanno sicuramente incluse la capacità di ascolto e di negoziare, la disponibilità a lavorare in team, l’empatia, la capacità di prendere decisioni e di lavorare per progetti, l’impegno nel mantenere e migliorare la relazione nella rete.” “Il voler fare rete - prosegue il gruppo dei tutor Morena Fabbri, Luciana Di Monte, Caterina Pelaccia, Valentina Arbagi, Beatrice Castellani, Marco Buonocore - “vendersi in un sistema integrato" deve entrare nella cultura ricettiva del Territorio locale. La grande sfida è che tutti: imprenditori, enti locali, associazioni, stakeholder del Territorio, etc. prendano coscienza della finalità operativa, cooperando, con un gioco di squadra efficace al fine di sviluppare economia sul Territorio.” Termina il gruppo: “Collaborando, possiamo essere Comunità vincenti in grado di realizzare un sistema territorio altamente competitivo che riconosce il valore delle sue piccole “perle” che si chiamano borghi, tradizioni, storia, cultura, ambiente. Attraverso il brand territoriale unico «Borghi Autentici d’Italia» tutte le Comunità Ospitali possono utilizzare uniformità di linguaggio, di immagine e questo brand è un contenitore comune all’interno del quale il Territorio si può riconoscere appieno, condividendo finalità ed obiettivi, in un’idea priva di campanilismi locali, slegandosi dalle dinamiche private per abbracciare un progetto di “senso” comune. Perché le sfide si vincono solo con un lavoro di gruppo in sinergia fra pubblico e privato, con un progetto condiviso che nasce dal Territorio per il Territorio, in un approccio “bottom up” al fine che tutti quelli che abitano sul Territorio si sentano coinvolti e partecipi alle iniziative che si andranno a realizzare.” Il gruppo di lavoro: Fausto Faggioli, Morena Fabbri, Luciana Di Monte, Caterina Pelaccia, Valentina Arbagi, Beatrice Castellani, Marco Buonocore

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento